Macworld 2009, che cosa dobbiamo attenderci?

di Andrea "C. Miller" Nepori 12

Il Macworld 2009 è alle porte. Come ormai saprete questa edizione della manifestazione è l’ultima a cui parteciperà Apple e martedì prossimo sarà il Vice Presidente Phil Schiller, e non Steve Jobs, a salire sul palco del Moscone Center per presentare i primi nuovi prodotti Apple del 2009. Le aspettative per l’evento, che TAL seguirà dal vivo, sono decisamente contenute rispetto ad altre occasioni (il lancio di iPhone 3G tanto per dirne una). I rumors non sono comunque mancati, sebbene nei giorni scorsi non si sia respirato l’hype tipico dell’ultimo weekend prima dei precedenti Stevenote, ed è dunque possibile fare qualche previsione su ciò che è lecito aspettarsi. Vi ricordiamo di votare il sondaggio (a fine post e nella sidebar) e vi invitiamo a lasciare un commento con le vostre ipotesi.

Mac OS X 10.6 Snow Leopard

Il nuovo sistema operativo di Apple, successore di Leopard, è una delle novità maggiormente attese. Tutti gli indizi fanno pensare ad una release imminente. E’ già pronta la versione 1.0 di Open CL tecnologia che permette di sfruttare al massimo la potenza di calcolo delle GPU e che verrà implementata nel prossimo OS di Cupertino. Tempo fa Jordan Hubbard, direttore delle tecnologie UNIX presso Apple, si è lasciato sfuggire ad un incontro pubblico una possibile data per la release di Mac OS X 10.6: primo trimestre del 2009.
E’ plausibile l’ipotesi secondo cui Phil Schiller darà una prima dimostrazione di Snow Leopard al Macworld 2009, annunciando una data di lancio distante però un paio di mesi.

Nuovi Mac mini e iMac

L’annuncio di una revisione di iMac e Mac mini al prossimo Macworld è l’ipotesi al momento più accreditata. Il Macworld Expo è del resto un evento dedicato all’utenza consumer, esattamente il target principali dei due desktop computer di Apple.
A suffragare ulteriormente questa supposizione è una porzione di codice scovata all’interno di un file di sistema presente sui nuovi MacBook e MacBook Pro Unibody in cui compare un riferimento a due versioni di iMac e Mac mini successive alle attuali.
Poco tempo fa il quotidiano cinese Economic Daily News parlava di 800.000 iMac già in spedizione in tempo per l’inizio del 2009.

MacBook Pro Unibody 17″

Il MacBook Pro Unibody da 17″ è stato il grande assente del notebook event dello scorso ottobre. Il ritardo nel lancio fu da attribuirsi ad alcuni problemi tecnici che non avrebbero permesso di rendere “presentabile” il nuovo modello professionale della gamma. Si spera che a Cupertino abbiano risolto e che il nuovo MacBook pro da 17″ sia pronto per la presentazione al Macworld, magari con un piccolo ritocchino al prezzo, che non fa mai male. Secondo gli ultimi rumors il nuovo modello di portatile professionale sarà dotato di una batteria “slim” più duratura che però non potrà essere sostituita dall’utente.

Nuove suite iWork e iLife

La suite iWork è stata protagonista di alcuni rumors natalizi (decisamente non molto credibili) secondo cui la suite di applicativi per ufficio di Apple si appresterebbe a diventare un set di applicazioni online. Più probabile che si possa parlare di un’integrazione di qualche tipo con MobileMe.
Anche la suite iLife non viene aggiornata da tempo ma solamente iMovie potrebbe ricevere un aggiornamento che anche in questo caso avrebbe qualcosa a che fare con una trasformazione dell’applicazione in una web-application.

iPhone nano

Durante il periodo natalizio hanno fatto furore nel Mac Web i rumors circa un possibile arrivo di una versione ridimensionata del melafonino denominata iPhone nano.
Il produttore di custodie XSKN ha fomentato il buzz attorno a questo nuovo presunto modello di iPhone presentando con largo anticipo un case protettivo pensato apposta per questo prodotto ancora inesistente.
Un altro produttore, Vaja, si è adeguato, inserendo l’iPhone nano fra l’elenco degli smartphone per i quali produce una custodia. In questo caso, però, è molto probabile che il produttore abbia deciso di operare questa mossa al solo fine di guadagnare un po’ di pubblicità gratuita. In alcuni paesi orientali, nel frattempo, l’iPhone nano (o meglio, il suo clone anticipato) è già disponibile.

Steve Jobs

Volenti o nolenti Steve Jobs è IL rumor di questa edizione del Macworld. La sua assenza pesa su tutta la manifestazione, assieme alla scelta di Apple di partecipare per l’ultima volta all’Expo di San Francisco.  La speranza segreta di ogni utente Apple è che sia lui, El Jobso, la One More Thing di questa edizione.
Un’apparizione dell’iCeo servirebbe a placare le voci sulle sue condizioni di salute e rassicurerebbe gli investitori.
Il premio per l’ipotesi più strampalata (ma non per questo meno affascinante) va decisamente a Mac Soda, secondo cui Steve Jobs non ha voluto essere presente in veste di presentatore al prossimo keynote perché vorrà intervenire da ospite per annunciare la sua decisione di lasciare Apple per… la Casa Bianca. Secondo Mike Kontaxis, Barack Obama avrebbe scelto Steve Jobs per il posto di Chief Technical Advisor della nuova amministrazione. unica condizione imposta da Steve è che possa essere lui stesso ad annunciarlo durante l’evento di martedì prossimo.

Non dimenticate di votare il sondaggio e dite la vostra nei commenti!

[poll id=”3″]