Aggiornamento 10.5.5: il mistero del combo update, i bug risolti.

di Emanuele L. Cavassa 3

Ieri sera verso le 23.00 ore italiane sui Software Update di tutti i Mac forniti di Leopard ha fatto capolino l‘aggiornamento alla versione 10.5.5 di OS X. 

Il peso variava principalmente dai 136 Mb ai 321 Mb per gli aggiornamenti Delta, a seconda delle caratteristiche installate, mentre il Combo update è della non indifferente taglia di 601 Mb.

Un piccolo mistero circola intorno al Combo update di 10.5.5: dalle 23.10 alle 23.49 la pagina di download sul sito di Apple era irraggiungibile, nonostante appena pochi minuti prima alcuni utenti abbiano potuto scaricare il dmg.

Il Delta update, poi, pare aver creato non pochi problemi ad alcuni utenti, come è possibile leggere in questi messaggi su Usenet nel gruppo it.comp.macintosh: in sostanza dopo l’update non appariva più la finestra di login sui Mac in cui era abilitata e l’unico modo per accedere alla macchina era attraverso SSH, se ovviamente era stato abilitato.

Proseguendo la lettura del thread, parrebbe che il problema si verificasse sulle macchine con la lingua italiana impostata ed Office 2008 installato (e non aggiornato). Insomma, con Microsoft di mezzo si riesce ad avere danni anche quando i computer sono Mac!

L’aggiornamento comunque ha risolto una serie di problemi minori, in stabilità e robustezza dei programmi coinvolti.

Di seguito la lista delle modifiche, come riportato sul sito Apple (in grassetto vicino alle voci commentiamo alcuni passaggi):

Aspetti generali

  • Include recenti aggiornamenti di sicurezza Apple.
  • Risolve problemi di stabilità relativi alla riproduzione di video e alla condivisione di dischi in remoto per MacBook Air.
  • Risolve un problema che comportava l’accensione imprevista di alcuni Mac alla stessa ora ogni giorno.
  • Risolve un problema di stabilità di TextEdit che si poteva verificare quando si accedeva alla tavolozza colori.
  • Migliora le prestazioni di indicizzazione di Spotlight.
  • Risolve un problema di sincronizzazione scorretta dei contatti con dispositivi Palm OS.
  • Migliora l’affidabilità di sincronizzazione dell’iPhone con iCal e Rubrica Indirizzi (Non risolve il problema dei colori dei calendari sballati su iPhone).
  • Include miglioramenti ad Active Directory (per maggiori informazioni leggi questo articolo).
  • Migliora il dizionario vocale.
  • Risolve problemi di autenticazione di Kerberos per i client Mac OS X 10.5 che si collegano a determinati server Samba, come Mac OS X Server versione 10.4.
  • Include notevoli miglioramenti alla grafica.

Rubrica Indirizzi

  • Risolve i problemi di stabilità che potrebbero verificarsi durante la creazione di un gruppo smart.
  • Risolve un problema di stampa delle schede indirizzi contenenti informazioni su più pagine.

Utility Disco e Utility Directory

  • Migliora l’affidabilità della ricostituzione di un volume RAID con mirroring del software in Utility Disco.
  • Migliora l’affidabilità dello stato del server visualizzato in Utility Directory.

iCal

  • Aggiorna iCal per una gestione più precisa degli eventi periodici.
  • Migliora le prestazioni per quanto riguarda la scelta dei partecipanti alla riunione.
  • Risolve un problema che può causare la disattivazione (o non disponibilità) dell’opzione “Aggiorna tutto” nel menu contestuale di determinati calendari.
  • Risolve i problemi dei calendari di sola lettura.
  • Risolve un problema che impedisce a un invitato di spostare un evento in un altro calendario.
  • Risolve un problema di sincronizzazione dei calendari pubblicati.

Mail

  • Risolve problemi di prestazioni relativi alla visualizzazione di messaggi IMAP (alcune volte poteva portare alla completa indisponibilità del contenuto del messaggio in IMAP).
  • Risolve un problema delle impostazioni SMTP per account e-mail AIM, Compuserve, Hanmail, Yahoo! e Time Warner Road Runner.
  • Risolve i problemi di stabilità che potrebbero verificarsi durante il trascinamento di un file sull’icona di Mail del Dock (il problema, già trattato in questo articolo affliggeva tutti gli utenti con firma automatica e composizione dei messaggi in solo testo: trascinando un file sull’icona di Mail il client di posta andava in crash.
    Il workaround era impostare la composizione in RTF, ma ora possiamo tornare al testo semplice
    )
  • Risolve un problema della visualizzazione “Organizza in thread” per cui la data non viene visualizzata quando il thread è contratto.
  • Risolve un problema che comportava la scomparsa temporanea dei feed RSS dalla barra laterale.
  • Migliora l’affidabilità di Mail nell’invio di messaggi.
  • Migliora l’affidabilità nel salvataggio di bozze con allegati.

MobileMe

  • Migliora l’affidabilità di sincronizzazione generale (a noi ha fatto apparire un messaggio di impossibilità della sincronia con iCal, tra l’altro citando ancora il defunto .Mac. In più non è possibile confermare la validità dei dati di iCal da nessuna parte).
  • Migliora l’affidabilità di Torna al mio Mac.

Time Machine

  • Migliora l’affidabilità di Time Machine con Time Capsule.
  • Risolve i problemi di prestazioni che potrebbero influire sui backup iniziali e in corso (dopo un’ora di “Preparo il backup” finalmente Time Machine ha deciso di farlo anche, oltre che prepararlo).
  • Risolve un problema che comportava la visualizzazione di un messaggio di avviso errato che informava della mancanza di spazio libero sufficiente di un volume di backup.
  • Time Machine può ora eseguire il backup dei dati di iPhone presenti sul Mac, oltre che di altri elementi in (~/Library/Application Support).

Non si trovano tracce nella lista dei problemi relativi all’Airport in MacBook e MacBook Pro riscontrati da molti utenti: segnale wireless altalenante, indipendentemente dalla vicinanza e dalla marca del router. 
Gli utenti più esperti e capaci hanno scoperto che era “sufficiente” copiare la kext di Airport da 10.5.0 all’ultima versione per tornare a poter usufruire del wireless: non certo un’operazione per tutti gli utenti.

Come sempre niente sincronia tra Mail.app e le note di iPhone. In realtà, analizzando la struttura di iPhone OS e delle sue note, queste sono soltanto che un file .db contenente le informazioni. Dovrebbe essere iTunes ad implementare la possibilità di scambiare i dati tra il db su iPhone e le note su Mail.app che sono email in html: nulla di complesso quindi, il cui supporto non dipende né da aggiornamenti in Leopard né da aggiornamenti su iPhone OS.