Sblocco iPhone 3G e firmware 2.0: il buio oltre la siepe

di Michele Baratelli 29

Ieri, in un intervento non programmato, ci siamo presi l’onere e l’onore di avvisarvi di non aggiornare assolutamente il vostro iPhone 1.1.4 al firmware 2.0 e allo stesso tempo di non aggiornate iTunes alla versione che sarà rilasciata contestualmente ad iPhone 3G: non vogliamo creare allarmismi, ma, vi proponiamo le notizie che si respirano oltreoceano nella comunità internazionale di “hacker” di iPhone, augurandoci vivamente che si stiano sbagliando. Tutte queste indiscrezioni sembrano pure essere confermate, seppure indirettamente, da Zibri. Purtroppo Apple sembra avere mosso ottimamente le sue pedine e, se queste indiscrezioni saranno confermate, questa volta la battaglia l’avrà vinta il gatto: la guerra però, ci auguriamo, è ancora lunga.



Il titolo dell’articolo vuole porre in evidenza che, per ora, oltre la siepe (11 Luglio) l’orizzonte è davvero buio in quanto Apple sembra abbia intrapreso la giusta via per mantenere i propri iPhone sotto il proprio controllo. Più volte avevamo espresso la nostra perplessità , e non solo nostra, riguardo al fatto che nelle versioni beta non venissero “tappati e risolti” quei passaggi (exploit) che permettono lo sblocco in 3 minuti di un iPhone. Con la beta7 le cose sembravano già essere cambiate e la beta8 (una sorta di Gold Master) ha palesato un cambio di rotta nella politica di protezione e di chiusura di iPhone da parte di Apple. Come avrete capito leggendo queste prime righe, l’articolo non vuole essere prettamente tecnico perché vogliamo che anche il lettore meno esperto possa capire chiaramente la problematica.


Dovete sapere, e forse già lo sapete, che iPhone 2G e iPhone 3G montano, oltre al chip Samsung, un processore di Arm: tale procesosre ha al suo interno la tecnologia denominata “TrustedZone Computing” (da ora in poi TC). Questa funzione permette a un dispositivo elettronico di proteggere la propria integrità di sistema e di riconoscere eventuali manomissioni creando una coppia di chiavi chiamate “chiavi di approvazione“, diverse per ogni chip e generate al momento della creazione del processore stesso; tali chiavi sono controllate da una Autorità di Certificazione che riconosce in modo univoco il vostro dispositivo, rendendo impossibile la manomissione delle stesse chiavi. Per maggiori dettagli e chiarimenti consigliamo Wikipedia.


Nel nostro caso l’Autorità di Certificazione è il server Apple, citato ieri, e tutte le applicazioni se ciò fosse vero, per poter funzionare, dovranno essere certificate da Apple: sia le applicazioni nativamente presenti su iPhone, sia quelle scaricate da App Store dovranno essere riconosciute come “approvate” e ciò avviene tramite una firma digitale unica per ogni chip. Questa tecnologia, silente finora sugli iPhone 2G, è presente nella beta8 del firmware 2.0 e sarà dunque presente anche in iPhone 3G, o almeno così sostengono oltreoceano. Ciò porta a considerazioni che, fino a poco tempo fa, sarebbero state bollate come “considerazioni da incapace e disfattista“. Queste considerazioni sono frutto di “sedute redazionali” in cui abbiamo discusso circa l’eventualità che Apple sfrutti le potenzialità TC del processore Arm. Quello che ci ha fatto sorgere il dubbio, e di conseguenza ci ha indotto ad indagare, è il fatto che il negoziante debba “ricevere una chiave univoca per ogni iPhone” prima di venderlo; inoltre si è sempre saputo che Apple avrebbe certificato le sue applicazioni distribuite tramite SDK. Ragionando si questi fatti e ricordandoci della funzionalità silente del processore di Arm, che già aveva fatto parlare di sé per gli stessi motivi un anno fa, abbiamo tratto le seguenti conclusioni.


Una prova palese delle situazione si ha anche guardando il sito dell’italico hacker di iPhone: Zibri, per la prima volta, per dimostrare la sua abilità (e forse per invogliare a donare causa scopo scientifico), mostra immagini di un iPod Touch con la beta8 del firmware 2.0 e non di un iPhone; allo stesso tempo non si vanta di avere la chiave del ramdisk e di avere, di conseguenza, sbloccato un iPhone ancora una volta . Anzi, va oltre dicendo “A partire da oggi avrete 2 scelte:
1) Credere nella community e non fare l’ upgrade alla 2.0
2) dire addio a installer e alla libertà e fare l’ upgrade.

Tutto ciò può essere interpretato in vari modi (nello specifico è rivolto ad iPod Touch), ma, a un lettore attento fa capire una cosa fondamentale: Installer.App ha i giorni contati.


È ormai risaputo che Nullriver , creatore e gestore di Installer.App, non ha intenzione di creare una versione, del più famoso programma per iPhone, che possa funzionare con il firmware 2.0 . Questo non per malavoglia o altro, ma, per evidenti problemi tecnici. Il Jailbreak, per funzionare, necessita infatti di cambiare un file nella directory di sistema per poterla fare diventare “scrivibile”. Ecco, la tecnologia TC, se davvero fosse implementata, crediamo che potrebbe riconoscere tale modifica e iPhone smetterebbe immediatamente di funzionare. Immaginando di trovare una miracolosa soluzione, le applicazioni di terze parti non potrebbero funzionare in quanto sono prive della firma digitale che Apple genererà, tramite App Store, per le applicazioni ufficiali. Ecco perché anche Zibri consiglia di rimanere alla 1.1.4 per mantenere funzionante Installer.App nel suo iPod Touch: sappiamo infatti che fare il Jailbreak di un iPod Touch è un procedimento banalissimo se paragonato allo “sblocco di iPhone“; ed ecco inoltre perché NullRiver non avrebbe sviluppato un Installer per iPhone 2.0 . Tutto questo ci preoccupa.


Cosa succederà dunque ai possessori di iPhone 2G crackato, se tutte queste ipotesi fossero veritiere? Ora come ora, dobbiamo ritenere che sia impossibile generarsi “in casa” un codice di attivazione che possa essere accettato da Apple a meno di non riuscire a recuperarlo da Apple stessa. Riteniamo che Apple posa anche smettere di supportare pienamente la 1.1.4 ed è per questo motivo che invitiamo a non aggiornare iTunes: le prossime versioni potrebbero non accettare un firmware antecedente al 1.1.4, limitando dunque la sincronizzazione con il nostro vecchio iPhone. È inoltre lecito pensare che tali iPhone, privi di certificato, potrebbero vedersi negato l’accesso a iTunes Store e naturalmente ad App Store. In questo modo Apple toglierebbe dal mercato dell’App Store milioni di clienti: gli stessi clienti però che hanno infranto le regole e che Apple pensa che in questa maniera potrebbero tornare nella legalità acquistando un iPhone 3G.


E il nuovo iPhone 3G? Se uscirà già di fabbrica Sim-Locked, cosa che si potrà sapere solo dopo l’11 Luglio, non sarà possibile renderlo Sim-Unlocked: quello che sappiamo, come sempre detto, è che la sim è controllata dalla baseband, ma, ora come ora, nessun hacker ne è chiaramente in possesso. Si ritiene che il nuovo Bootloader possa però controllare automaticamente l’integrità delle baseband, rendendosi così conto se sia stata modificata: chiaramente, se così fosse, iPhone non caricherebbe il suo sistema operativo rimanendo così bloccato in partenza.


Ringraziamo la comunità internazionale di “hacking di iPhone e gli altri amici sparsi nella rete, per averci reso partecipi di queste notizie e, se così fosse davvero, dovremmo aspettarci tempi molto cupi: confidiamo nell’immensa sapienza e abilità degli hacker che da un anno giocano al gatto e al topo con Apple con la certezza che la guerra per iPhone 2G, finora, l’ha vinta il topo. Ricordiamo ancora una volta che tutte queste sono considerazioni preventive, basate però su dati concreti, che vogliono anticipare le future problematiche di sblocco iPhone e ci auguriamo che le funzionalità TC del processore Arm rimangano ancora silenti, almeno per i vecchi iPhone 2G.


  • abito in svizzera, e andando in un negozio swisscom che appunto venderà gli iphone mi hanno detto che saranno sim-locked almeno per quell’operatore..

  • Stefano

    Umm io credo che un blocco di questo tipo, penso il primo che sfrutti la tecnologia TC per simili scopi, sia un grande ostacolo alla diffusione di questo dispositivo.

    Se la Apple vuole vendere i dispositvi e di conseguenza le applicazioni sullo appstore di certo non può indispettire gli utenti con simili restrizioni.

    Tenendo presente anche che Symbian si appresta a diventare opensoruce e che i futuri dispositivi basati su questo os potrebbero essere molto interessanti.

    Ciao

  • iFrog

    Ragazzi a me preoccupa una cosa…

    io ho un iphone 2g sbloccato, ora ho già un abbo con tim.

    Se volessi regolarizzarmi?

    Cioé nell’articolo non è chiaro se a costo di mantenere l’operatore giusto, ed eventualmente l’abbo giusto ci si può “regolarizzare”.

  • @Anto: grazie della preziosa indiscrezione.

    @Stefano: a volte ci si augura di aver preso un forte abbaglio, e questa è una di queste “volte”. Purtroppo però le “sensazioni” raccolte in giro non sono delle più tranquillizzanti in merito.

    @iFrog: No, non credo sia possibile. Ti dico solo una cosa in merito: un amico ha un abbonamento con Tim TuttoCompreso60. Volendo passare a un abbonamento iPhone, di costo maggiore, gli è stato risposto che prima avrebbe dovuto interrompere, pagando la penale, il contratto precedente. I negozi TIM non hanno ancora le tariffe ufficiali e non hanno, credo, ancora le varie possibilità “particolari” (come quella che ti ho appena citato). Non credo però che sia possibile farsi regolarizzare il precedente modello di iPhone. Se ciò sarà possibile… sarò in coda al negozio con te.

  • @Anto grazie della precisazione. Conferma quanto scritto nell’articolo su iPhone in Svizzera ;-)

  • Baldassare

    Beh .. se sarà confermato (come credo) .. vorrà dire che, ogni tanto, le regole non verranno infrante. Senza piagnistei. Chi lo vorrà saprà dove trovarlo ed al prezzo che gli sarà imposto.. lo sò potrebbe essere duro .. ma.. in fin dei conti c’é sempre HTC o Nokia .. :-))))))) ..
    Non credo che il sistema TC sarebbe un “dispetto” per i suoi clienti … i clienti di Apple (nel mercato hardware dell’iPhone) a differenza della prima versione di iPhone, NON sono gli utenti, ed infatti da quello che sembra .. non sarà possibile acquistare iPhone 3G su Apple Store .. sono le compagnie telefoniche. In fin dei conti, se qualcuno riuscirà ad aprire iPhone 3G per metterci su SIM di altri operatori, chi ci perde sono Vodafone e Tim, mica Apple.
    Per i possessori (illegali in Italia, va detto ..) di iPhone 2G .. visto che lo hanno pagato poco .. e se lo sono goduto un bell’annetto .. ci saranno poche lacrime da spargere .. avranno un signor soprammobile .. da usare come telecomando per iTunes .. .. chattare in wi-fi .. forse anche telefonare con Skype … e navigare .. e navigare .. e naufragare .. dolcemente .. in quel mare … :-))))))))))) ..

  • fabio

    Scusa Baldassare, ma un HTC o un Nokia simil iPhone quanto costa? Se non sbaglio comunque intorno ai 550/600 euro che è poi il prezzo di un iPhone 16 GB “libero” da contratti. Di conseguenza si puo acquistare l’iPhone “libero” usando il contratto che uno ha già, O no??
    (Comprese le varie Tim tutto compreso)

    Ciao

  • Gianfranco

    Io credo in Zibri come credo in Dio e Zibri afferma : ”con l’ iPhone è molto più complicato perchè si deve fare il downgrade anche della baseband.
    Ho già pronta una versione preliminare del nuovo ZiPhone che lo permetterà”.
    Quindi non c’è da proccuparsi ma basta attendere qualche giorno dopo l’uscita della 2.0 che la sboccherà !!!

  • Baldassare

    @ fabio
    .. ne parlavo proprio qualche minuto fa con un agente TIM .. io ho una rete aziendale 3 .. e sono pronto a migrare (almeno per 2 SIM) sull’operatore che mi farà i migliori contratti .. come dicevo a lui, se mi converrà farlo (in ordine ai tempi di consegna..) e se sarà possibile .. (in ordine alla possibilità di inserire una SIM di altro operatore), se i detti contratti business TIM o Vodafone non mi appagheranno (in ordine al traffico dati .. fondamentalmente ..) al limite farò così .. comprerò il telefono free .. e ci piazzo la mia sim 3.
    La sua risposta é stata .. “non lo so se si potrà fare .. tutto tace da casa madre TIM .. sapremo tutto il 10 ..”. .. sigh!!!!

  • Stefano

    @Michele anche se mi rendo conto che per loro questa oltre ad essere la cosa più sicura è anche la cosa più semplice da implementare, spero davvero che la Apple non abbia deciso di percorrere per prima quella strada che prevede l’utilizzo della teconologia TC nel modo più penoso e “moralmente” sbagliato che si possa fare.

    Insomma, per me sarebbe una grande delusione da parte di un Marchio che ho sempre utilizzato e difeso, non solo la cosa sarebbe preoccupante perchè potrebbe togliere quel freno che per ora ha fatto si implementare tali tecnologie ma le ha fatte che rimanere dormienti.

    Speriamo bene!
    Ciao

  • Baldassare

    @Stefano
    .. hai introdotto l’argomento “morale”
    bene .. perché sarebbe “moralmente” sbagliato proteggere il proprio lavoro .. gli stipendi che hai già pagato ai programmatori .. od ai progettisti di hardware .. o, nel caso in questione, i contratti che i tuoi partnes hanno siglato con te .. con tutti gli investimenti fatti .. ed anche (perché no) le tue e le loro aspettative di guadagno .. ?

  • Baldassare

    good .. very good … :-)

  • Stefano

    @baldassare Scusami non itendevo dire che è moralmente sbagliato proteggere il proprio lavoro.
    E’ a mio avviso moralmente sbagliato farlo attraverso l’utilizzo di una tecnologia che nasce e viene imposta con lo scopo di tutelare l’utente (trust = fiducia) e non con lo scopo di limtare l’utilizzo di un dispositivo.

    La fiducia è un sentimento reciproco che non può essere imposto. Daresti fiducia a qualcuno che ti punta una pistola in faccia e ti dice “fidati di me”? Scusami l’esempio banale, è per far capire il concetto che c’è dietro il TC e l’utilizzo che la Apple sembra ne voglia fare!

    Ciao

  • Baldassare

    @ Stefano
    perdonami .. ma lo scopo della detta tecnologia (TC) è di tutelare sia gli investimenti fatti ed il “proprio lavoro” come lo chiami tu e sia l’utente (ovviamente SOLO quello non fraudolento). Insomma se il mio dispositivo viene protetto .. a me va bene .. (a me utente “in regola”).
    In fin dei conti gli utenti “in regola” che cosa devono temere da questa tecnologia? l’uso del loro dispositivo non vedo in cosa sarebbe limitato .. forse l’uso “illegale” (inteso come al di fuori delle regole) del loro dispositivo sarebbe limitato .. certo chi ha un iPhone 2G illegittimamente in quanto non attivato .. si potrebbe sentire con la pistola in faccia .. ma la prima pistola l’ha messa fuori lui!!!! oppure all’utente é permesso violare le regole di fiducia ed alla controparte no? ..
    Lo sai come avrebbero potuto evitare lo scambio di file musicali P2P .. (tenuto conto che la stragrande maggioranza proviene da cd acquistati legittimamente e messi in condivisione.. come tempo fa giustamente disse Jobs..) ? con lo stesso sistema .. avrebbero potuto fornire di masterizzatore i rivenditori di CD .. inserire nei lettori cd il soft di verifica della firma, regalare una firma digitale ad ogni acquirente .. e masterizzare il cd APPOSTA PER QUELL’UTENTE .. fine del problema .. ma era troppo costoso .. allora ..
    Certo l’utilizzo della TC ci toglierà un pò di libertà .. dirà qualcuno .. ma quella era la libertà di violare i diritti di altri .. e questa non é libertà .. é altro

  • …a casa mia si citano le fonti, e si ringraziano le persone giuste per le scoperte, non si prendono post di altri e ce se ne appropria.

    Tutto quello che c’e scritto in questo articolo è stato pedissequamente preso da un comunicato del DarkApples Hacking Team che ha “inondato” la rete. Altro che “Sedute Redazionali” e “confermate, seppure indirettamente, da Zibri”.

    Mi stupisco che un AppleLounge, da tempo considerata un punto di riferimento serio per la comunità Apple, abbia avuto questa caduta VERTICALE di gusto.

    Per chi voglia giocare a “trova le differenze” può trovare il post originale completo su http://www.darkapples.net/ datato 4 Luglio (data di creazione del Blog), e ne trovate traccia già dal 2 luglio su tutti i siti che parlano di iPhone.

    iRev, on behalf of DarkApples Hacking Team

  • Pingback: DarkApples » Nun lo sbloccàmo (noblesse oblige).()

  • AlloStatoPuro

    Ma io sono CONTENTISSIMO!

    Innanzitutto se nel 2G queste feature non erano attive potrebbe essere anche stato per una scelta commerciale…. iPhone crackati ma in tutto il mondo e non solo nei pochissimi paesi “ufficiali” della prima commercializzazione. E la gente adesso non vede l’ora di possederne uno.

    In secondo luogo… ma perchè crackare qualcosa con il 3G alle porte? Ci saranno applicazioni per tutti (moltissime delle quali free). Veramente non capisco.

    Terzo ed ultimo: ma se cracko qualcosa… perchè devo vivere col patema di “oddio mi scoprono”, “oddio se si guasta qualcosa come faccio con la garanzia” e altri pensieri simili? Non è meglio tenere tutto così com’è? Ufficiale e funzionante? E dare a Cesare quel che è di Cesare (ritorno da investimenti in R&D, comunicazione, marketing, etc etc)?

    Ho un iPod Touch da 16Gb dal primo giorno di commercializzazione in Italia e ne sono soddisfattissimo anche senza averlo crackato e senza averci messo su chissà che software.

    Va BENISSIMO così. Apple… prosegui per la tua strada!

  • @iRev:
    citando la chiusa del mio articolo “Ringraziamo la comunità internazionale di “hacking di iPhone“ e gli altri amici sparsi nella rete, per averci reso partecipi di queste notizie e, se così fosse davvero, dovremmo aspettarci tempi molto cupi”

    —> non possiamo fare altro che dare un altro nome e un altro link come fonte delle notizie sparse (stralci di questo tuo intervento ci sono giunti per E-mail da lettori) che ci sono giunte in redazione e che abbiamo scovato qua e là e facendo una summa di esse ho redatto il presente articolo. Come abbiamo citato ModMyiPhone, siamo lieti e orgogliosi di poter citare un nuovo blog italiano che spieghi in maniera tecnica questi argomenti, data l’autorevolezza di chi firma gli interventi.

    Mi scuso a nome mio e del network per non avere dato un nome e un link a tali notizie “bollenti”, ma, non avendo un link di riferimento, in quanto queste notizie non le ho lette dal vostro Blog, non ero in grado di citarvi: ora l’indirizzo lo abbiamo e puoi stare pure certo che lo useremo.

    A nome di TAL, mi auguro che DarkApples possa riuscire a trovare una soluzione per lo sblocco di tutti i nostri iPhone 2G con FW2.0 (tra cui anche i miei) e mi auguro una futura proficua intesa tra noi.

    Da persona matura (non sono più un teenager da tempo e credo non lo sia neppure tu) ritengo conclusa qui la vicenda della citazione, augurandomi che possa essere chiusa anche per te/Voi.

    Con stima,

    M. Baratelli

  • Equivoco chiarito, a posto così. :)

  • rishi06

    @Baldassarre
    L’unico problema, per come la vedo io (e per quel po’ che ho capito, da quasi profana dell’elettronica) è che, correggetemi se sbaglio…probabilmente è anche OT vero? comunque, ciò che mi scoccia è che le informazioni passano attraverso apple sempre e comunque…vero?

  • Pingback: Fortezza digitale - Vittorio Pasteris()

  • Pingback: iPhone 3G: Sbloccabile o Blindato? | I Write About IT()

  • daniel

    ragazzi ora sto in america e quasi sicuro mi compro l iphone 3g da 8 gb. riusciro a sbloccarlo???? vi prego rispondete.

  • sandreii

    il mio iphone col firmware 2.0 e diventato tim 3g,cio’ vuol dire che tutti iphone sono 3g,e non esiste 2g,chi ha comprato i nuovi iphone ed vechi iphone,sono uguali con qualcosa di meglio il famoso 2g diventato improvisamente 3g.

  • Pingback: Iphone e musica in arrivo()

  • ivan

    @ daniel:
    viene mio zio dall’America e mi poerterà l’iphone 3g (16G) riuscirò a sbloccarlo?

  • matteo

    ciao a tutti cerco qualcuno in torino che mi aiuti a sbloccare l’ihpone 3g comprato in usa, attualmente quando lo accendio rimane sulla videata dello spinotto usb per collegarsi con etunes e poi le chiamate emergenza poi più niente, ho cercato di sbloccarlo con quick pwn 2.2 ma quando dal browse cercavo il firmware mi diceva firmware string error e poi + niente grazie

  • alex

    mi stanno per regalare proveniente dalla Scozia un Iphone 3g venduto con sceda della British telecom. Gradirei sapere se lo posso usare in Italia con scheda Tim oppure si deve eseguire un aggiornamento del softwer. Grazie

  • giuseppe

    Come è stata diversa, la realtà, dalle supposizioni.
    Il mio 2g da 1.1.2 è diventato 2, e poi 3 senza dare problemi.