Apple, novità sul visore VR e prezzo alle stelle

di Giovanni Tripodi Commenta

E’ da tempo che si parla del visore VR di stampo Apple, prodotto a cui l’azienda di Cupertino sta lavorando ormai già da tempo, ma chiaramente ogni minimo dettaglio deve essere ben curato e per questo l’uscita sul mercato non avverrà prima del 2022.

Nella giornata di ieri sono giunte nuove indiscrezioni su questo misterioso visore VR targato Apple e a fornirle ci ha pensato un report di China Times ideato da JP Morgan, cercando insomma di capire a che punto è arrivata l’azienda di Cupertino su questa nuova ed interessante tecnologia.

visore VR

Il possibile design del visore VR di Apple

Intanto quest’oggi ci ha pensato il sito The Information ad evidenziare quegli elementi di spicco che caratterizzeranno questo visore VR di Apple, con il bozzetto del prototipo finale. L’immagine all’interno di questo post non è quindi frutto di immaginazione, ma si rifà proprio al modello realizzato fino ad ora da Apple e che dovrebbe essere trasformato a breve in realtà, non restando quindi fermo al campo prototipi.

Il design di questo visore VR targato Apple è caratterizzato da linee molto morbide che ricordano un po’ le cuffie AirPods Max e non è un caso che potrebbero esserci delle importanti affinità per quel che riguarda i materiali utilizzati, lasciando spazio a parti in tessuto e potendo puntare su delle fasce intercambiabili.

Alcune caratteristiche del visore VR di Apple

Ciò che interessa però alla maggior parte degli appassionati del settore è capire come questo visore VR sarà a livello tecnico. Da questo punto di vista Apple punterà su dodici telecamere per tracciare il movimento delle mani e chiaramente non mancheranno i sensori LiDAR, già utilizzati da Apple sugli ultimi iPad Pro e sull’iPhone 12 Pro Max, e che avranno un ruolo fondamentale in un tipo di tecnologia che ha come compito di mappare l’ambiente circostante.

Per la definizione dei display, stando a quanto riportato da The Information, Apple punterà su una risoluzione 8K, l’unica necessaria per definire una massima risoluzione, vista la vicinanza dagli occhi e garantire chiarezza delle immagini. Per quel che riguarda invece il controllo di tale visore VR, Apple avrebbe pensato ad un anello smart da indossare e con determinati movimenti delle dita avviare le varie funzioni.

Non è chiaro però se possa trattarsi di un accessorio in più, da acquistare a parte, oppure se verrà integrato all’interno della confezione di vendita. L’idea di Apple è di poter portare sul mercato un visore VR che possa essere utile in qualsiasi campo, anche in quello dell’istruzione. Non sarà un prodotto di poco costo, infatti si dovrebbe partire da un prezzo di 3000 dollari, in assoluto il più costoso in circolazione.