L’iPad Christmas di Tim Cook e altri appunti dalla conference call del Q4 2013 Apple




Le vendite dell’iPad nell’ultimo trimestre non sono cresciute perché il tablet ha già raggiunto la saturazione o perché tutti aspettavano i nuovi modelli? Secondo Tim Cook, la seconda. Tanto che il CEO Apple durante la conference call con gli analisti che si è tenuta ieri per discutere dei risultati del quarto trimestre fiscale Apple 2013 ha espresso chiaramente la sua opinione: “it’s gonna be an iPad Christmas”.
E’ uno dei tanti aspetti discussi durante l’incontro, di cui vi forniamo qui di seguito un breve resoconto riassuntivo.

Apple Unveils New Versions Of Popular iPad

Gli Apple Store

Durante le conference call con gli analisti, Apple fornisce dati aggiuntivi rispetto a quelli pubblicati poco prima tramite comunicato stampa. E’ il caso ad esempio dei numeri relativi al settore Retail.
Nel quarto trimestre fiscale 2013 gli Apple Store hanno fatto registrare un fatturato di 4,5 miliardi di dollari (+6% rispetto allo scorso anno), con le vendite dell’iPhone che crescono del 36% per negozio a settimana.

Durante il trimestre sono stati aperti 8 nuovi Store, per un totale di 416 Apple Store globali, di cui 162 sono quelli al di fuori degli States.
Altri dati sul settore:

  • fatturato medio per punto vendita: 10,9 milioni di dollari (erano 11,2 milioni lo scorso anno, quando c’erano meno Store)
  • 99 milioni di visitatori nel trimestre su 411 Store, con una media di 18500 per negozio
  • nel 2014 sorgeranno altri 30 nuovi Store, di cui 2/3 fuori dagli Stati Uniti
  • 20 Store verranno ristrutturati

Sui prodotti

Durante la conference call si è parlato ampiamente dei nuovi prodotti lanciati in vista della fine dell’anno.
In relazione al prezzo dell’iPhone 5c Cook ha specificato che l’intenzione non era quella di posizionare iPhone 5c come un prodotto entry level. iPhone 5c, ha detto il CEO, è un prodotto con cui dobbiamo conquistare la fascia media, lasciando all’iPhone 4s il compito di attrarre clienti che vogliono spendere ancora meno.

Gli iPad venduti nel trimestre sono più di quelli che Apple si sarebbe aspettata. Cook ha posto l’accento sulle numerose iniziative che coivolgono l’iPad nel settore educational, dove il tablet di Cupertino mantiene un market share del 94%. Laddove Apple non dovesse riuscire a vendere i Mac, in sostanza, ci arriva con gli iPad, in gran numero.




Nessun chiarimento invece sulla disponibilità di iPad mini con display Retina. Il prodotto dovrebbe arrivare a fine novembre, ma si moltiplicano i report sulla possibilità di una disponibilità molto ristretta al lancio, sulla quale Cook non ha fatto sapere nulla di preciso. Il CEO ha però ammesso almeno in parte l’errore dello scorso anno, quando Apple non riusci a soddisfare la domanda per i nuovi iMac entro Natale.

Nuovi prodotti in nuove categorie

Cook ha poi reiterato l’intenzione di introdurre nuove categorie di prodotti, probabilmente nel corso del 2014. Le capacità e le professionalità che Apple è in grado di esprimere possono essere ricombinate per creare qualcosa di nuovo e innovativo in mercati in cui Apple non è ancora presente.
E’ l’ammissione, per quanto velata, che a Cupertino qualcosa bolle in pentola. Può essere il tanto vociferato iWatch, oppure una nuova forma di Apple TV. E’ impossibile dirlo, ma per lo meno vi è la certezza che non tutti i rumor sono campati in aria.

Cook aveva già espresso questo pensiero in una passata conference call ma era stata fraintesa una sua frase sull’introduzione di nuove categorie di prodotto in questo periodo finale del 2013. In quel caso, ha spiegato il CEO, il riferimento esplicito della frase era ai nuovi prodotti che abbiamo visto in questi giorni, mentre l’indicazione riguardo le nuove categorie era più generica e non riferita alla chiusura dell’anno in corso. Ne prendiamo atto a aspettiamo, pazientemente.

Acquisizioni di piccole aziende

Apple ha confermato anche l’acquisizione di nuove aziende, tutte abbastanza piccole, con operazioni dal costo contenuto che in diversi casi sono passate in sordina.
Sono 15, in particolare, le acquisizioni avvenute nel corso del 2013 fiscale. Fra quelle di cui si è sentito parlare rientrano HpStop, WifiSlam, Locationary, Embark, AlgoTrimMatcha.tv.

Non è da escludere che fra le aziende acquisite e di cui non si è saputo nulla pubblicamente, ve ne siano alcune funzionali allo sviluppo di quei prodotti in nuove categorie cui Cook ha fatto riferimento durante la conference call.

Altri appunti sparsi

  • Apple punta a portare iPhone 5c e iPhone 5s in un totale di 100 paesi entro la fine dell’anno
  • iWork e iLife, così come le prossime versioni di OS X, continueranno ad essere gratuite. Lo scopo è far si che entrino a far parte dell’esperienza generale d’uso di un Mac e di un dispositivo iOS, senza eccezioni legate al prezzo.
  • La crescita migliore la registra la divisione Internet Services di Eddy Cue, con un +22% per iTunes Store e servizi annessi.

Lettera ai dipendenti

Dopo la conference call Cook ha provveduto ad inviare una email a tutti i dipendenti Apple per discutere con loro dei successi di Apple e comunicando la sua soddisfazione per il modo in cui le cose stanno funzionando in quel di Cupertino.

C’è  un’ottima atmosfera collaborativa, dice Cook, e gli affari vanno a gonfie vele. L’email ha anche lo scopo di convocare tutti i dipendenti per un incontro che si terrà oggi, martedì 29 ottobre, alle 9:00 ora del Pacifico. Come fa notare 9to5Mac è un incontro atipico, perché di solito queste riunioni aziendali si svolgono al termine del primo trimestre fiscale dell’anno e non al termine dell’anno fiscale.