Messaggi per Mac: la videorecensione

di Lucio Botteri 4

In un breve video (un po’ superfluo a dire il vero vista la semplicità dell’app, lo ammetto) vi illustreremo i passaggi per l’installazione, la configurazione e l’utilizzo di Messages per Mac.

Un’app semplice ed immediata, proprio come usare iOS su computer. Dopo il salto alcune considerazioni.


 

  • Scrivere dal Mac a qualcuno che vi risponde da un iCoso vi porrà in una situazione di netta superiorità.  Il confronto tastiera fisica vs. tastiera virtuale è impari.
  • Il bug di cui accennavo nel video si presenta se cercate di aggiustare la grandezza del testo con un profano Cmd++ o Cmd+-. Si incasina tutto e l’unica soluzione sarà reinstallare il programma da capo. Sarà meglio fare i bravi e andare a premere sulla menubar Messaggi -> Preferenze… -> Messaggi -> Scegli font e regolare tutto da lì.
  • Molto carine le varie modalità di visualizzazione a cui potremo accedere tramite tasto destro sulla schermata principale (l’unica!).
  • Per cancellare una conversazione idem, tasto destro -> Cancella registrazione chat.
  • Per allegare una foto sarà sufficiente trascinarla nella barra di inserimento del testo.

Ora, e soltanto ora, potete usare Messages per Mac.
Quasi dimenticavo: apprendiamo da MacRumors che alla fine del periodo di beta testing (ovvero al rilascio pubblico di OS X Mountain Lion) la Apple ci ringrazierà con il seguente messaggio:

Thank you for participating in the Messages Beta program. With the inclusion of Messages in OS X Mountain Lion, the Messages Beta program has ended.To continue using Messages, please visit the Mac App Store and purchase OS X Mountain Lion.

Traduzione: “Grazie per aver partecipato al testing. Da ora non puoi più usare il programma. Se lo vuoi, compralo”. A parte gli scherzi, Messages, esattamente come FaceTime, diventerà un’app a pagamento (0,79€ al 99%) per gli utenti di Lion (10.7) e gratuita per Mountain Lion, inclusa nel sistema.