Le foto della centrale solare di Apple in North Carolina

di Lorenzo Paletti Commenta

applecleanpower61

Apple avrà i suoi difetti, nessuno lo nega (nemmeno su questo sito, nonostante il nome), ma ci sono pochi dubbi sul fatto che non siano molte le compagnie che si impegnano tanto quanto Apple nel tentativo di produrre dispositivi migliori in un mondo migliore. E il data center di Apple che si trova in North Carolina ed è completamente alimentato da energia solare ne è la dimostrazione.

La scorsa settimana era arrivato un annuncio di quelli importanti. Duke Energy, che genera la maggior parte dell’energia elettrica fornite in North Carolina tramite la combustione di rifiuti fossili ed energia nucleare, ha chiesto agli state regulators se avrebbe potuto vendere energia pulita (da fonti come pannelli solari e pale eoliche) a grandi acquirenti che sarebbero stati disposti a pagare il sovrapprezzo green.

Duke aveva precedentemente accantonato l’idea di generare altri tipi di energia in North Carolina, anche perché nessuno era disposto a pagare per avere energia pulita quando, con una spesa inferiore, era possibile avere energia da rifiuti fossili. I big della Silicon Valley, però, hanno fatto ripensare a Duke i progetti per il futuro.

Prima che i fornitori di energia elettrica si domandassero se qualcuno avrebbe acquistato la loro energia pulita, Apple era disposta a produrre energia pulita in North Carolina per conto suo. Con una mossa mai vista prima (e non imitata da alcuna compagnia) Apple ha speso milioni di dollari per costruire una enorme solar farm nei pressi del suo data center. Questo progetto, ora completamente funzionante, deve essere costato a Cupertino una cifra compresa tra i 150 e i 200 milioni di dollari, e permette ad Apple di vantarsi di avere il più grande impianto privato per la produzione di energia elettrica degli Stati Uniti.

Katie Fehrenbacher di GigaOm ha avuto modo di fare visita alla centrale  di Apple, e fotografare alcune delle distese di pannelli che forniscono energia al data center di Cupertino, e alle fuel cell, per lo stoccaggio dell’energia raccolta con i pannelli solari.

[via]