Dall’iPhone 6S all’iPhone 7: due miglioramenti secondo l’ultima foto

di Luigi De Girolamo Commenta

Dall'iPhone 6S all'iPhone 7 dovremmo registrare quantomeno due miglioramenti secondo l'ultima foto apparsa in Rete di recente, soprattutto per quanto riguarda la fotocamera e la scocca posteriore

iPhone 7

In questi giorni si sono sprecate tantissime parole sul nuovo iPhone 7, nonostante manchino circa quattro mesi alla sua presentazione ufficiale. Considerando il fatto che si tratta di un anno fondamentale per Apple, le aspettative da parte degli utenti e degli addetti ai lavori sono alte e tutte le voci riguardanti il nuovo melafonino per forza di cose finiscono col fare tanto rumore.

Ad esempio, da un po’ di tempo a questa parte si continua a dire che lo smartphone non presenterà novità di rilievo rispetto al suo predecessore, nonostante le vendite dell’attuale iPhone 6S pare non stiano entusiasmando più di tanto i vertici del colosso di Cupertino. Insomma, un certo immobilismo soprattutto dal punto di vista estetico che rischia di non aiutare la crescita della mela morsicata in un mercato che, grazie a nuovi attori provenienti dall’Asia, a questo punto non vede più la sola Samsung tra i competitors pericolosi.

Come fare la differenza, pertanto, già a partire dal 2016? CultOfMac, fonte da sempre vicina agli affari di casa Apple, ritiene che potrebbero essere due gli spunti di interesse sui quali soffermarsi nell’ambito della transizione da iPhone 6S al nuovo iPhone 7. In primo luogo dovremmo assistere alla completa rimozione delle bande dell’antenna, sia da un punto di vista visivo, considerando il fatto che i seguaci di Apple non hanno mai mostrato entusiasmo verso questa mossa della mela morsicata, sia con il tatto.

In secondo luogo, potrebbero esserci dei cambiamenti estremamente interessanti anche per quanto concerne la fotocamera dello smartphone, visto che l’iPhone 7 dovrebbe presentarcela a filo con la scocca posteriore. Insomma, nessuna rivoluzione ma quantomeno il segnale che dei passi in avanti ci saranno. Staremo a vedere.