Sblocco iPhone firmware 1.1.3: arrivano i primi tentativi!

di Paolo Petrone 18

update1

Lo sblocco del firmware dell’iPhone 1.1.3? E’ sicuramente l’evento più atteso del dopo-MacWorld 2008.

Vi avevamo già anticipato che Nate True, editor-hacker di Gear Live, aveva comunicato l’impossibilità di sblocco di un iPhone con firmware 1.1.3, dopo i primissimi esperimenti effettuati su un telefonino sottoposto ad aggiornamento.

L’update cui è stato sottoposto il telefonino della Mela è andato a chiudere tutte le falle che rendevano possibile lo sblocco del firmware, determinando l’inutilità di tutte le procedure di sblocco fin qui conosciute.

Noi però abbiamo seguito il recentissimo tentativo di sblocco dell iPhone 1.1.3 da parte di Erica Sadun di Tuaw. Ecco cosa è successo.


Come vi dicevamo, secondo Nate True, nessun risultato positivo era stato registrato nel tentativo di sblocco dell’iPhone 1.1.3 con Anysim, mentre si attendono ancora test con iPhone Sim Free e con TurboSIM.

Erica Sadun però non ce l’ha fatta ad attendere i primi esperimenti degli hackers e ha provato a cimentarsi con i classici sistemi di aggiornamento prima, e con lo sblocco del firmware 1.1.3 poi.
Secondo la blogger, gli aggiornamenti introdotti con il firmware 1.1.3 sono troppo ghiotti per non fare un tentativo!

Prima di iniziare lo sblocco dell’iPhone 1.1.3, la blogger ha fatto un backup del telefonino. Questo perchè la stessa autrice dell’articolo è consapevole che con l’upgrade 1.1.3 si avrà un cambio del “baseband software” (sistema di connessione) e che un successivo downgrade dalla versione 1.1.3 alla precedente può bloccare la “baseband” e rendere inutilizzabile il telefonino.
E’ bene essere a conoscenza di tutto questo prima di procedere.

La fase successiva è nel download dell’update, dopo aver accettato i termini e le condizioni di casa Apple in iTunes. Il download dura circa 20 minuti.
Qui trovate il link diretto all’update nel caso in cui vogliate provarci.

Completato il download, si passa alla fase di installazione (non senza qualche patema d’animo, come sostiene la Sadun).

Preparing iPhone for Software Update…
Updating iPhone Software…
Verifying updated iPhone software…
Updating iPhone firmware…

Dopo queste fasi l’iPhone è stato aggiornato e viene riavviato. Il telefonino così rinato richiede le credenziali dell’account AT&T che vengono correttamente inserite.

Il nuovo messaggio di benvenuto recita: “Edit Home Screen“. E’ l’indicazione della nuova funzione di trascinamento con cui è possibile incollare un’icona dove più si desidera nell’home-page del proprio iPhone 1.1.3.
Ma la Sadun verifica anche le nuove funzionalità di Safari, le Google Maps e la nuova funzione di triangolazione GPS-like, l’invio multiplo degli sms, etc. etc.
Perfetto. Tutto funziona alla perfezione.

Ora la blogger prova a fare un nuovo aggiornamento e downgradare il firmware alla versione 1.1.2, primo passo necessario per poter eseguire lo sblocco dell’iPhone 1.1.3.

Il messaggio che compare sul display del suo iPhone è forte e chiaro.

The iPhone could not be updated. An unknown error occurred.

L’iPhone entra in modalità di recupero e riparte con il firmware 1.1.3. Il tentativo successivo viene allora effettuato con un downgrade al firmware 1.1.1.
Anche in questo caso nessun successo. Ennesimo errore.

Seguendo le indicazioni di Nate True, Erica Sadun prova il sistema Independence, uno dei software di sblocco per iPhone recuperabile su Google Code.
L’iPhone funziona, ma nel collegamento ad iTunes appare il messaggio di utilizzo di una SIM impropria (nonostante lei stessa stia utilizzando, a suo dire, una SIM AT&T perfettamente legale).

Allora la Sadun prova il “jailbreaking” attraverso jailbreakme.com. Anche in questo caso il tentativo non va a buon fine.

E così la Sadun ripristina il suo vecchio-nuovo firmware 1.1.3.

L’esperimento condotto da Erica Sadun di tuaw si è concluso con un nulla di fatto. Nessun tentativo di sblocco dell’iPhone 1.1.3 è andato a buon fine.
Sappiate che se vorrete cimentarvi anche voi nel tentativo di upgrade-downgrade, correrete il rischio di incorrere nel messaggio “Wrong SIM messages” sul display dopo aver effettuato i tentativi di upgrade/downgrade.
L’esperimento condotto da Tuaw mostra anche ai più curiosi e ai più “smanettoni” che, attualmente, nessun tentativo di “jailbreaking” correttamente funzionante è ancora disponibile per lo sblocco dell’iPhone 1.1.3.
Riusciremo ad attendere con immutata pazienza che le comunità hackers del globo trovino una soluzione?

[via | Tuaw]