iPhone e Verizon: AT&T pronta a perdere l’esclusiva?

di Michele Baratelli Commenta

iphone-verizon-logo

Dopo aver lanciato iPhone negli USA con un contratto di esclusiva con AT&T (colosso delle telecomunicazioni a stelle e strisce), Apple con il tempo ha capito che consentire la vendita del melafonino a due o più carriers locali è il modo migliore per incrementare le vendite del suo prodotto. Le dinamiche che entrano in gioco sono diverse (in primis la concorrenza tra operatori che li spinge ad offrire promozioni e il desiderio dei clienti di evitare la MNP) e la conseguenza comune è un amento fisiologico delle vendite.

Per quanto riguarda il mercato americano, Verizon non ha mai nascosto un interesse nei confronti di iPhone e da sempre sono presenti rumors che vedono un accordo molto vicino tra le aziende. Il CEO di Verizon, dopo aver bistrattato iPhone nello spot del Motorola Droid, lancia messaggi di amore ad Apple. Se davvero terminasse l’esclusiva tra AT&T e Apple, non sarebbe solo lo scenario USA a cambiare radicalmente.

Il CEO di Verizon, Ivan Seidenberg, ha dichiarato all’autorevole Wall Street Journal che l’operatore telefonico accoglierebbe volentieri iPhone nel proprio listino ma la decisione è nella mani della sola Apple. Quelli di Cupertino, sempre secondo Seindeberg, trarrebbero solo giovamento da una partnership con Verizon.

Ecco la parte interessante della dichiarazione di Seindeberg: “This is a decision that is exclusively in Apple’s court. We obviously would be interested at any point in the future they thought it would make sense for them to have us as a partner“.

Un accordo con un secondo operatore americano sarebbe un evento in grado di cambiare parecchio la politica di Apple: mi spiego. AT&T e Apple hanno presentato, oserei dire “insieme”, il primo iPhone e il contratto che lega le due aziende va oltre la normale partnership di vendita.

AT&T ha sempre avuto voce in capitolo su determinate scelte (prima fra tutte l’impossibilità di utilizzare il Voip e App simili via connessione 3G) che hanno fatto scaturire del malcontento verso iPhone e di conseguenza verso Apple. Chi è appassionato di iPhone da tempo ricorderà, inoltre, le gare di “scarica-barile” tra le due aziende.

Ecco perché non sarebbe solo lo scenario USA a cambiare radicalmente qualora Verizon entrasse nel mercato americano di iPhone: AT&T potrebbe perdere sempre di più quella posizione di egemonia rispetto agli altri operatori mondiali e Apple finalmente potrebbe smettere, a sua volta, di mascherare alcune scelte con la scusa del parere contrario di AT&T.