iPhone 5: l’iPhone più sottile e più leggero mai prodotto

di Luca Iannario 42

Tutti se l’aspettavano e Apple non ha deluso nessuno (o almeno per quanto riguarda il fatto che iPhone 5 sarebbe stato presentato oggi). iPhone 5 è arrivato, anche se ormai l’avevamo visto diverse volte in modo non ufficiale nelle ultime settimane. Per quanto riguarda il design, niente di nuovo (a parte le dimensioni). Ma procediamo con ordine.

La novità più attesa, ovvero le dimensioni del display, è stata confermata. Display in formato 16:9 da 4 pollici con risoluzione 1136×640 (Retina, ovviamente, 326 PPI), come era stato ampiamente anticipato dagli ultimi rumors. In pratica un iPhone con la stessa larghezza ma più lungo. E’, inoltre, l’iPhone più leggero e più sottile mai prodotto. Con 112g è il 20% più leggero di iPhone 4S, mentre ha uno spessore di appena 7,6mm (il 18% in meno rispetto al suo predecessore). Il motivo della scelta di un display da 16:9 è da attribuire all’ergonomia del dispositivo, come si può vedere dall’immagine di apertura.

Salta subito all’occhio come nella Springboard ci sia ora una quinta linea di app (rispetto alle 4 visualizzate fino ad ora). Per quanto riguarda le app, quelle native sono già state aggiornate al nuovo formato del display. Finché le app di terze parti non saranno adattate, queste verranno mostrate al centro del display con delle barre nere laterali per “riempire” lo spazio in eccedenza. Si tratta del display più accurato mai realizzato nel settore: i sensori tattili, infatti, sono direttamente integrati nel display stesso, consentendo di eliminare completamente uno strato nella realizzazione.

Novità importanti anche per quanto riguarda le comunicazioni wireless. In ambito cellulare, è stato aggiunto il supporto alle reti HSPA+, DC-HSDPA ed LTE (che in Europa sono supportate, al momento, solo in Germania e UK). All’interno dell’iPhone ora è presente un solo chip per voce e dati e un chip le comunicazioni radio (WiFi e Bluetooth). Per quanto riguarda il WiFi, è stato aggiunto il supporto alle reti 5GHz con velocità fino a 150mbit.

In ambito di prestazioni, il processore è il nuovo Apple A6, il doppio più veloce del predecessore e il 22% più piccolo.

Di certo non sarà un iPhone rivoluzionario, ma cosa ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti.