La fotocamera FaceTime e il flash frontale potrebbero essere invisibili nei prossimi iPhone

di Giovanni Biasi Commenta

Scoperta una richiesta di brevetto risalente a Febbraio 2013 che descrive una fotocamera FaceTime e un flash frontale nascosti nella barra dello speaker di iPhone, nella parte alta del dispositivo.

10110-2166-Screen-Shot-2014-08-07-at-94215-AM-l

Il design pulito e semplice di iPhone potrebbe diventare ancora più essenziale: questo, almeno, è quanto emerge da un nuovo brevetto che descrive l’inclusione della fotocamera FaceTime e di un flash frontale all’interno della fascia superiore del dispositivo, esattamente dove è collocato lo speaker. Il concept appare in una richiesta di brevetto scoperta giovedì da AppleInsider, chiamata “Dispositivo elettronico con strutture comprendenti fotocamera e flash”. Viene descritta una fotocamera e un flash che possono essere nascosti nella zona dello speaker superiore, in un dispositivo portatile come iPhone. 

Negli iPhone attualmente in commercio, la fotocamera frontale e il sensore di luce ambientale sono posizionati nell’angolo rispettivamente in alto e a sinistra dello speaker. E per il momento non esiste alcun flash frontale che possa illuminare i selfie che andiamo a postare su Instagram.

Come descritto nella richiesta di brevetto, Apple ha sperimentato la cosa inserendo la fotocamera all’interno del foro dello speaker nella parte alta di iPhone. Nel documento, Apple afferma che la lente, così come il flash, può essere facilmente nascosta, essendo così essenzialmente invisibile all’utente e garantendo un design più essenziale e pulito.

Apple, inoltre, fa notare che l’aggiunta di un flash frontale potrebbe rivelarsi utile non solo per il campo fotografico: si immagina, ad esempio, di utilizzare un indicatore luminoso che faccia da “indicatore dello status”, e che notifichi all’utente la ricezione di un messaggio o code di questo genere.

La società di Cupertino fa notare che se la fotocamera viene “montata male” all’interno di un dispositivo portatile, il risultato può facilmente rovinare un design che, al contrario, sarebbe stato esteticamente gradevole e riuscito.
Il concept viene descritto come miglioramento che potrebbe vedere la luce nei prossimi dispositivi.

La richiesta di brevetto risale a un po’ di mesi fa, a Febbraio 2013. È firmata da Lee E. Hooton e Kelvin Kwong.

via | Apple Insider