A7 e M7: i due nuovi system-on-a-chip di Apple per iPhone 5S

di Lorenzo Paletti 7

Apple Event 09-2456546 alle 19.45.20

iPhone 5S monta il nuovo processore di Apple: A7. Con oltre un miliardo di transistor, A7 è il primo processore a 64-bit ad essere montato all’interno di uno smartphone. Phil Schiller ci ha tenuto a sottolinearlo, mentre presentava il sorprendente hardware di iPhone 5S sul palco del centro conferenze dell’Apple Campus di Cupertino.

A7 è il primo processore a 64-bit a venire montato in uno smartphone. La sua CPU è 40 volte più performante di quella montata su iPhone 5, mentre la GPU e oltre 50 volte più veloce. Si tratta di un incredibile salto in avanti nelle performance, permesso anche dal fatto che iOS 7 e tutte le applicaizoni di Apple sono state riscritte per il pieno supporto ai 64-bit.

Agli sviluppatori di terze parti sarà dato modo di scrivere software in grado di sfruttare al massimo il nuovo system-on-a-chip tramite XCode, ma non sarà necessario. iPhone 5S e A7 sono in grado di fare funzionare anche app a 32-bit.

Il supporto a OpenGL|ES 3.0 farà poi felici gli amanti dei videogames (e non è un caso se sul palco è stato presentato anche, con il solito intermezzo, il terzo capitolo della saga Infinity Blade).

Apple Event 09-2456546 alle 19.37.27

A7 è però accompagnato anche da M7, quello che Schiller ha chiamato un motion co-processor. Si tratta sostanzialmente di un processore che scaricherà parte del laovoro di A7, facendosi carico di elaborare i dati raccolti da giroscopio, bussola e accelerometro in iPhone 5S. Schiller e convinto che questo processore permetterà di ampliare le funzioni della app legate al benessere. Schiller spiega che M7 è in grado di riconoscere quando un utente sta camminado, correndo o guidando. Si tratta dell’hardware perfetto per Nike, che ha già pronta una nuova app, chiamata Nike+ Move, che terrà traccia del movimento di utente (facendogli guadagnare preziosi Nike Fuel) tramite accelerometro, giroscopio e GPS (il tutto integrato anche in Game Center, perché Nike Fuel nasce prima di tutto come un gioco).