iPod e Mac: in Italia tra i più cari d’Europa

di Michele Baratelli 27


Brutta sorpresa questa mattina per tutti coloro che si sono collegati all’Apple Store online: gli iPod e i Mac venduti in Italia sono tra i più cari rispetto al resto dell’Europa (record in Belgio e Irlanda con il MacBook a 929 euro). Apple infatti ha adeguato nella scorsa nottata i prezzi dei propri dispositivi in base al decreto Bondi riguardante “l’equo compenso“. La conferma ci arriva direttamente dall’Ufficio Stampa di Apple Italia che ha prontamente risposto alla nostra richiesta di informazioni.

A prima vista viene quasi da sorridere nel leggere un così piccolo cambiamento dei prezzi (i prezzi non finiscono più con la cifra “9”, portando ad esempio il MacBook sopra i 900 euro) ma allo stesso tempo mi ha colpito un ulteriore dettaglio: perché iPhone e Apple TV non sono stati interessati da tale cambiamento? Non permettono anch’essi “la riproduzione privata di fonogrammi e videogrammi“?

Il decreto Bondi è una sorta di rideterminazione del compenso per “Copia privata” che la legge già prevedeva in via provvisoria. Il decreto “individua un punto di equilibrio tra il riconoscimento del compenso che è dovuto a chi crea opere dell’ingegno e le esigenze, altrettanto importanti, degli utenti e del settore dell’innovazione e sviluppo tecnologico“. Gli interessati possono trovare il testo completo nel sito web del ministero.

Non è questo il luogo per discutere sulla bontà o meno di tale decreto anche se personalmente non capisco questa ulteriore tassa in favore della SIAE per “la riproduzione privata di fonogrammi e videogrammi” da pagare al momento dell’acquisto di qualunque prodotto elettronico.

Apple, come da immagine di apertura (via SetteB.it), ha applicato il decreto Bondi con un aumento del prezzo dei prodotti che va da un minino di 2 euro (MacBook Air – 20 GB di memoria hard disk – da 1.399 a 1.401 euro) ad un massimo di 18 euro (iPod classic -160 GB di memoria hard disk – da 229 a 247 euro): importi che non seguono alla lettera le direttive del Ministro.

grazie per le tante segnalazioni

Update: immagine di apertura migliorata ed elenco dei “nuovi” prezzi.

iPod shuffle (2 GB di memoria a stato solido) da 55 a 61 euro (+6)
iPod shuffle (4 GB di memoria a stato solido) da 78 a 81 euro (+6)
iPod shuffle inox (4 GB di memoria a stato solido) da 95 a 100 euro (+5)
iPod nano (8 GB di memoria a stato solido) da 139 a 143 euro (+4)
iPod nano (16 GB di memoria a stato solido) da 169 a 174 euro (+5)
iPod classic (160 GB di memoria hard disk) da 229 a 247 euro (+18) aumento maggiore
iPod touch (8 GB di memoria a stato solido) da 189 a 194 euro (+5)
iPod touch (32 GB di memoria a stato solido) da 279 a 286 euro (+7)
iPod touch (64 GB di memoria a stato solido) da 369 a 379 euro (+10)
iMac (500 GB di memoria hard disk) da 1.099 a 1.102 euro (+3)
Mac mini (160 GB di memoria hard disk) da 549 a 552 euro (+3)
Mac mini (320 GB di memoria hard disk) da 749 a 751 euro (+2) aumento minore
Mac mini server (500 + 500 GB di memoria hard disk) da 949 a 949 euro (nessun aumento)
iMac (1 TB di memoria hard disk) da 1.349 a 1.351 euro (+2) aumento minore
iMac (1 TB di memoria hard disk) da 1.499 a 1.502 euro (+3)
iMac (500 GB di memoria hard disk) da 1.799 a 1.802 euro (+3)
MacBook (250 GB di memoria hard disk) da 899 a 902 euro (+3)
MacBook Air (120 GB di memoria hard disk) da 1.399 a 1.401 euro (+2) aumento minore
MacBook Air (128 GB di memoria SSD) da 1.699 a 1.701 euro (+2) aumento minore
MacBook Pro 13″ (160 GB di memoria hard disk) da 1.149 a 1.152 euro (+3)
MacBook Pro 13″ (250 GB di memoria hard disk) da 1.399 a 1.402 euro (+3)
MacBook Pro 15″ (250 GB di memoria hard disk) da 1.599 a 1.602 euro (+3)
MacBook Pro 15″ (320 GB di memoria hard disk) da 1.799 a 1.802 euro (+3)
MacBook Pro 15″ (500 GB di memoria hard disk) da 2.099 a 2.102 euro (+3)
MacBook Pro 17″ (500 GB di memoria hard disk) da 2.299 a 2.302 euro (+3)
Mac Pro (3 x 1 GB di memoria hard disk) da 2.299 a 2.302 euro (+3)
Mac Pro (6 x 1 GB di memoria hard disk) da 2.999 a 3.002 euro (+3).