iTunes 8: Genius, nuovo effetto di visualizzazione, stessa icona.

di Emanuele L. Cavassa 20

Insieme ai prodotti hardware per la musica è stata presentata ieri anche la nuova versione del software di casa Apple per gestire i propri brani musicali.
Una versione evolutiva, con alcune interessanti funzioni nuove (il Genius già anticipato da Kevin Rose) ed alcune modifiche su visualizzazione dell’interfaccia e nuovi effetti.

Lo Store americano porta nuovi contenuti in HD, ma purtroppo in Italia continuano a latitare ancora quelli in SD.  
Si spera che Apple possa arrivare presto ad accordi con le Major del cinema per portare la comodità del download di filmati e serie tv anche sui nostri iTunes.

Sarebbe stato un bel regalo per ieri sera, che purtroppo è stato disatteso come in molte altre occasioni ufficiali.

Ieri nei commenti all’articolo iTunes 8: “in the cloud” con le Genius Playlist siamo rimasti sorpresi nel leggere quello del nostro lettore Roger_!: “secondo me questo iTunes può chiamarsi al max 7.8“.

Da un lato il primo impatto può sembrare effettivamente questo, dall’altro però c’è da tenere conto che ogni aggiunta di funzionalità di un certo rilievo ha sempre comportato nei software Apple il passaggio ad un numero di versione successivo.

Strano il non aver ridisegnato l’icona, che nelle transizioni “importanti” aveva sempre subito un restyling.

Vediamo nel dettaglio il nuovo iTunes 8.

Dopo averlo aggiornato si apre in automatico nella nuova vista a Griglia. Qualche istante per elaborare le copertine degli Album e possiamo godere dei nostri “cd” come fossero tutti appoggiati su di un tavolo virtuale.

L’organizzazione può essere modificata tra il raggruppamento per Album, Artista, Genere e Compositori. La visualizzazione ricorda molto gli eventi di iPhoto, soprattutto quando organizzate per Artista, Genere e Compositori: bordi arrotondati ed effetto di scorrimento delle copertine muovendo il mouse di un gruppo.

Come in iPhoto è possibile scegliere di impostare una certa copertina come cover “principale” per quel dato gruppo.

E’ possibile raggruppare per Artista o per compositore, visualizzando l’ordine alfabetico, attraverso il menu Vista > Raggruppa artista. Interessante che quando si è in modalità Compositori invece che raggruppa il comando riporta “Group”.

Le viste ad elenco ed ad elenco organizzato per album con le copertine sono state unite: attraverso una piccola freccia a lato della barra “Illustrazione” si può mostrare o nascondere la cover dell’album

Dalla Sidebar, sotto Playlist troviamo la nuova funzionalità Genius. Entrando ci viene chiesto il nostro account sull’iTunes Store: il software avvisa che la funzione è anonima, ma che per accedervi serve l’account.
Come per scaricare le copertine degli album, o il download delle applicazioni gratuite per iPhone ed iPod Touch. Soprassediamo da ogni commento.

Una volta confermato il proprio account, Genius comincia ad analizzare la libreria di iTunes ed invia i dati ai server Apple, quindi ci rimanda il risultato di tali dati.
La procedura prende svariati minuti, a seconda della dimensione della libreria.

Una volta completata, è possibile avere suggerimenti da iTunes Store su brani ed artisti simili a quanto da noi ascoltato, oltre ad essere suggeriti album e canzoni di artisti presenti in libreria ma di cui ci mancano le opere. 

Ovviamente Genius non si limita ai “consigli per gli acquisti“, ma genera anche Playlist smart in base alla “vicinanza” musicale tra brani della nostra libreria.
In questo modo quando stiamo sentendo una canzone che ci piace molto, possiamo cliccare il tasto Genius in basso a destra per vederci creare una Playlist che contenga pezzi simili a quanto stiamo ascoltando ora.

La Genius Playlist può essere salvata, e successivamente fatta aggiornare (ad esempio dopo l’acquisto di brani simili a quanto è inserito nella Playlist), di modo che i suggerimenti siano sempre “freschi”.

Una nuova funzione comoda, quindi, anche se molti possono essere delusi dalla mancanza di un aspetto maggiormente Social e d’interazione con gli altri utenti, come era stato profetizzato da alcuni.

Il nuovo effetto di visualizzazione mostrato in questi giorni sul web è effettivamente presente in iTunes 8: Magnetosphere. Stranamente non è stato mostrato durante il Keynote: sappiamo quanto piacciano a Steve questi Eye-candy con cui esaltare il pubblico.

Nonostante la grafica tridimensionale complessa Magnetosphere riesce ad essere eseguito senza problemi anche su un MacBook Core Duo prima serie, portando il processore al solo 58%.
Miracoli dell’ottimizzazione del codice e di Core Animation

Piccole modifiche anche per quanto riguarda il pannello delle Preferenze, che ora sembra essere maggiormente coerente nel raggruppamento delle opzioni.

Questo è quanto. Per ora non sembrano esserci altre novità sostanziali rispetto a quanto abbiamo riportato: se scoprite qualche funzione nascosta fatecelo pure sapere nei commenti!