Apple Event: tenetevi liberi martedì 26 febbraio!

di Andrea "C. Miller" Nepori 9

apple-showtime.jpg

Un nuovo rumor sta percorrendo il MacWeb come una scarica elettrica: Mira Mobile, la società che si occupa della copertura video degli eventi Apple, sta assumendo personale per un Event non programmato alla fine di febbraio. A riconferma che ci possa essere qualcosa di grosso in preparazione, Apple ha cancellato la propria partecipazione al NAB di Las Vegas, l’expo della National Association of Broadcaster.

Mettiamo subito in chiaro che si tratta solo di un’indiscrezione. La notizia arriva però da TUAW, che non è certamente un blog scandalistico e in questo caso confida apertamente nelle proprie fonti. E adesso divertiamoci a speculare sulle possibili novità che Apple potrebbe aver intenzione di introdurre in pompa magna con un evento dedicato.

L’ipotesi più plausibile, nel caso il rumor si rivelasse esatto, è che Apple approfitti dell’occasione per presentare diversi aggiornamenti. La prima novità della lista è sicuramente l’attesissimo update della linea dei MacBook Pro, con l’introduzione dei processori Penryn @ 45 nm e del Multi-Touch. Anche l’SDK, ovvero il pacchetto di sviluppo software, per iPhone e iPod Touch, potrebbe essere presentato in tale occasione (Jobs aveva parlato di introduzione a fine febbraio proprio durante il keynote di San Francisco).

A riguardo Erica Sadun, sempre su TUAW, parla di una possibilità davvero interessante: l’introduzione un’iPhone simulator che gli sviluppatori potrebbero utilizzare per testare le proprie applicazioni senza necessariamente possedere un melafonino. Sempre secondo Sadun, tuttavia, proprio l’introduzione di una piattaforma iPhone virtuale potrebbe causare un ritardo nella distribuzione del kit di sviluppo, che slitterebbe fino a tarda primavera e verrebbe presentato in occasione del WWDC.

Una tale ipotesi, secondo la blogger di TUAW, sgombra il campo dalla possibilità che l’iPhone possa essere il protagonista di questo evento fuori programma, anche se personalmente spererei proprio nella presentazione di una serie di nuovi accordi per la distribuzione dello smartphone in nuovi paesi.

Fino ad ora Steve ha mantenuto la promessa fatta durante il keynote e le novità in questo primo periodo del 2008 sono state davvero tante: dall’introduzione dei nuovi Mac Pro, all’arrivo dell’iPod Touch da 32 GB, passando per la presentazione del MacBook Air.

Mancano poi all’appello tutta una serie di aggiornamenti software: in cima alla lista troviamo l’upgrade 10.5.2 di Leopard le cui seed preliminari continuano ad essere rilasciate ai betatesters ad intervalli sempre più ravvicinati, ma gli utenti professionali aspettano con ansia anche l’annuncio della nuova versione della FinalCut suite.

Personalmente ritengo plausibile l’ipotesi di un evento fuori programma, poichè una serie di innovazioni presentate in grande stile, con la dovuta attenzione da parte dei media, potrebbero far bene anche alla situazione finanziaria della società, rassicurando gli investitori e riportando in alto il titolo AAPL, inaspettatamente crollato proprio dopo il Macworld Expo nonostante gli ottimi risultati finanziari del primo quarto presentati da Apple il 22 gennaio scorso.