Servizio pick-up degli Apple Store presto disponibile anche in Italia?

di Lorenzo Paletti 1

Apple starebbe preparandosi al lancio del servizio di pick-up in Store anche in Italia. In questo modo sarà possibile prenotare il ritiro di un qualsiasi prodotto entro pochi minuti all'Apple Retail Store più vicino.

shop_with_specialist_large

Apple sta tenendo corsi per i suoi dipendenti degli Apple Retail Store in Australia, Francia e Regno Unito per prepararli all’avvio del Personal Pickup negli Apple Retail Store di questi (e altri) stati. Il servizio permette agli acquirenti di ordinare un prodotto sull’Apple Online Store o nell’app Apple Store e ritirare il pacco entro un’ora.

Apple sta addestrando i suoi dipendenti per lanciare il servizio durante il mese di Novembre, probabilmente insieme al lancio del nuovo iPad Pro (che dovrebbe arrivare il prossimo 11 novembre). Le fonti di MacRumors, che riporta la notizia, sottolineano però che Apple potrebbe ritardare il lancio del servizio di ritiro in-store a dicembre o persino oltre.

Il servizio Personal Pickup è stato lanciato originariamente nel 2011 in esclusiva negli Stati Uniti, e permette di prenotare l’acquisto in Apple Store di prodotti come Mac, iPhone, iPad, Apple TV e Apple Watch. Una volta piazzato l’ordine, si riceve un messaggio quando il dispositivo è pronto per il ritiro. A questo punto è sufficiente presentarsi con un documento (dotato di fotografia) per ritirare il prodotto.

Questa mossa è probabilmente una idea del Senior VP per il Marketing Angela Ahrendts, che nel suo periodo di attività ad Apple ha cercato in tutti i modi di sfumare la separazione tra l’Apple Online Store gli Apple Retail Store fisici. Proprio grazie ad Ahrendts Apple Watch è stato il primo prodotto dell’azienda venduto senza code davanti agli Apple Store, ma acquistabile esclusivamente dietro prenotazione on-line o in negozio.

Ahrendts si trova a dirigere una importante fetta del business di Apple, che dal 2001 ha aperto oltre 460 Apple Retail Store in tutto il mondo, con circa 200 di questi presenti al di fuori degli Stati Uniti.

[via]