Apple revoca la certificazione “Made for iPhone” a Monster dopo la causa contro Beats

di Lorenzo Paletti Commenta

Apple ritira la certificazione Made for iPhone per il produttore di auricolari e cavi Monster dopo la causa di quest'ultimo contro Beats. Apple non perdona, anche se non vediamo spesso la sua faccia inflessibile.

monsterheadphones

Apple ha sospeso la certificazione “Made for iPhone” al produttore di cuffie Monster dopo che quest’ultimo ha depositato una causa contro Beats Electronics.

A scriverlo è il Wall Street Journal, che racconta di come Monster produca cavi di ricarica Lightning e auricolari che sono certificati da Apple con il marchio MFi (Made for iPhone). È dal 2005 che Monster produce accessori certificati. Dallo scorso 5 maggio, però, Apple ha terminato l’accordo con Monster e non continuerà a certificare i prodotti dell’azienda per il loro funzionamento con iPhone.

David Tognotti di Monster ha detto che Noreen Krall, a capo del settore cause legali ad Apple, gli avrebbe annunciato che l’accordo era terminato con data effettiva 5 maggio perché la relazione tra le due compagnie non poteva più portare a elementi benigni.

La causa, avrebbe detto Krall a Tognotti, avrebbe distrutto la relazione di lavoro tra Apple e Monster.

Monster accusa Beats Electronic, il co-fondatore dell’azienda Jimmy Iovine e il suo partner Dr. Dre di avere cospirato per acquisire la parte di Beats in possesso di Monster.

Monster, infatti, produceva cuffie per il marchio Beats da anni. Nel 2011 la partnership tra le due aziende è terminata dopo che Beats ha venduto il 51% della sua azienda a HTC, chiedendo che fosse modificata anche la clausola che indicava la percentuale di azienda acquistata da Monster. Monster sostiene che l’operazione eseguita da Dre, Iovine e HTC fosse fraudolenta, e domanda quindi 100 milioni di dollari per ripagare i guadagni perduti.

Con la rimozione della certificazione MFi, Monster dovrà modificare non solo le sue scatole, ma anche i suoi prodotti. Apple permette infatti ai prodotti certificati di utilizzare tecnologie brevettate che non sarebbero altrimenti accessibili alle aziende.

Monster sostiene che dal 2008 sono stati prodotti 900 prodotti con il marchio di Monster certificati da Apple, e che l’azienda avrebbe pagato qualcosa come 12 milioni di dollari ad Apple per questa certificazione. L’avvocato di Monster David Tognotti ha commentato la mossa di Apple come eccessiva:

Mostra un lato di Apple che il consumatore non vede spesso.

[via]