Peter Belanger: come nasce una fotografia pubblicitaria di Apple

di Lorenzo Paletti 1

Peter-Belanger-Verge-portrait_large

Il nome di Peter Belanger non vi dirà nulla, ma è molto probabile che abbiate visto le sue fotografie e possediate uno dei soggetti dei suoi scatti. Belanger è infatti il fotografo scelto da Apple per ritrarre buona parte dei suoi prodotti. In una intervista con The Verge, Belanger ha spiegato quali sono le sue tecniche per scattare fotografie a prodotti come iPhone e iPad.

Nell’intervista, il fotografo spiega che Apple desidera che ci sia una grande cura per i dettagli nelle fotografie dei suoi prodotti. Per assicurarsi che il prodotto risulti come previsto, Apple fornisce disegni e un lista con i dettagli degli scatti desiderati:

Il team di Apple ha sempre una lista per gli scatti e degli schizzi di quello che vogliono. Io lavoro con i loro art director molto telentuosi per trasformare quegli schizzi in fotografie. Cominciamo posizionando il prodotto, e poi mettiamo al loro posto le luci. Siccome i dispositivi di Apple hanno materiali così accuratamente selezionati, è incredibilmente importante illuminare il prodotto in un modo che mostrerà i vari materiali nel dettaglio.

Per raggiungere questo risultato, Belanger utilizza un intricato sistema di luci e supporti:

Comincio da un’area e penso a che materiali devono essere descritti. Una volta che questa scelta è stata fatta mi muovo sulla successiva. Ecco come mai il mio set diventa così complicato. Ho bisogno di controllare ogni superficie, così che quando il cliente chiede che una luce sia allungata, lo posso fare. È simile al lavorare su un file in Photoshop: non fai tutto il lavoro su un solo layer. Vedo le luci come se fossero i miei layer che posso aggiustare individualmente per ottenere i risultati desiderati.

Belanger prosegue spiegando che la maggior parte del suo lavoro è fatta direttamente con la macchina fotografica, mentre il fotoritocco serve solo ad aggiustare le imperfezioni dei prodotti. La maggior parte delle sue fotografie è scattata con una Canon 5D Mark III su cui è montato un obiettivo 2770mm.

[via]