iPhone e fotocamera: come migliorerà? Riflettiamo

di Michele Baratelli 31

Con Giugno ci auguriamo arrivi il tanto atteso iPhone 3g in modo tale da zittire parecchi rumors, privi di fondamento, che giungono quotidianamente sui nostri schermi. Quello che vi proponiamo in questo articolo è una riflessione sulla fotocamera attuale di iPhone e su quello che potrebbe succedere partendo da dei seri dati. Ci auguriamo anche di avere le vostre opinioni a riguardo della fotocamera di iPhone.




iPhone è giunto sul mercato ormai l’estate scorsa “montando” al suo interno una fotocamera da 2 MegaPixel di buona qualità. Già imperversavano i telefoni cellulari con fotocamere a 5 MegaPixel, ma, Apple decise per una versione da 2 MegaPixel che svolgesse egregiamente il suo lavoro. Spesso capita infatti di avere fotocamere sui telefoni cellulari che deludono decisamente le attese dei possessori. Per esperienza personale posso parlare del Nokia N73 che, nonostante continui aggiornamenti firmware, per lungo tempo scattava foto con contorni blu: situazione davvero poco apprezzabile per un telefono che al lancio sul mercato costava circa 400 Euro.


La fotocamera di iPhone, nonostante sia una 2 Megapixel, svolge bene il suo lavoro: le foto, una volta passate sul Mac, hanno la loro dignità e anche stampate la mantengono. Sarà questione di cura dei componenti, sarà questione di non aver messo una 20 Megapixel solo per fare “clamore“, ma, la fotocamera di iPhone la giudico superiore alla 3.2 Megapixel del mio vecchio nokia N73: tutto questo è una mia personalissima opinione, frutto di esperienza personale.


Grave pecca e lacuna della fotocamera di iPhone e del software a suo corredo è però l’impossibilità di default fare filmati: a questo proposito sono apparsi tramite Installer.app dei programmi di terze parti che vorrebbero risolvere questo problema. Effettivamente un filmato di pochi secondi si riesce a fare, ma, la qualità (anche in termini di fps – fotogrammi al secondo) lascia davvero a desiderare. A tal proposito era venuto incontro ai desideri da “filmaker” dei possessori di iPhone il programma uShow: peccato che ad oggi non abbia ancora rilasciato una versione pubblica del suo programma.


Un confronto tra due modelli di fotocamere per dispositivi \"mobile\"
La prossima versione di iPhone, oltre a tutte le più fantascientifiche novità, porterà con sé sicuramente un miglioramento della fotocamera: lungi da noi ora fare previsioni in termini di MegaPixel oppure di tipologia di sensore. Ci auguriamo solo che possa mantenere intatta la resa finale delle foto e che implementi la registrazione video. Quello che però possiamo notare è che Apple si sta muovendo decisamente per apportare migliorie a questo “optional” di iPhone. Poco tempo fa, infatti, è apparso questo annuncio sulla pagina delle offerte di lavoro di Apple, che già vi avevamo accennato nell’articolo su “iPhone e geo-tagging” del nostro Camillo Miller. Vediamo però l’annuncio nei dettagli che interessano a noi:


“Il gruppo iPhone è alla ricerca di un Ingegnere esperto in fotocamere con responsabilità in materia di valutazione, qualifica, attuazione e di tuning di fotocamere per i prodotti iPhone. Le sue mansioni comprenderanno la ricerca nell’ambito delle attuali e future tecnologie della fotocamera, la valutazione delle soluzioni proposte, la presentazione delle attuali e future opzioni, il contatto diretto con i fornitori per poter personalizzare i moduli, cooperazione con i reparti di progettazione e di ingegneria elettronica per integrare le varie parti, la soluzione di tuning per una qualità d’immagine ottimale, e la progettazione della linea di produzione di test setup. Il richiedente deve avere familiarità con la tecnologia del sensore CMOS, l’implementazione di fotocamere in prodotti “portatili” […]”


Da questo annuncio si deduce una ferrea volontà di Apple di continuare nella ricerca per migliorare anche questa funzionalità del proprio telefono cellulare, in modo da rendere iPhone un prodotto completo. Si evince che la figura professionale ricercata debba essere un leader in questo ambito e che, oltre alle sue capacità organizzative, oltre ad avere mostruose conoscenze, debba portare con sé idee per lo sviluppo futuro.


L’arrivo di fotocamere da 5 MegaPixel sui cellulari sta portando i costruttori a non cercare di aumentare, per ora, la qualità dell’immagine tramite l’aumento dei Pixel, ma, li sta conducendo a migliorare qualitativamente la resa finale delle immagini. Una fotocamera di tale “potenza” deve scattare foto di reale qualità se vuol realmente soddisfare i desideri degli utenti.



La ricerca in questo campo continua a fare passi enormi ed è solo di ieri la notizia che Sharp ha presentato la fotocamera da 5 MegaPixel più piccola al mondo: la vedete ritratta nell’immagine proposta qui sopra. Secondo l’azienda produttrice, tale modulo, nonostante sia più piccolo del precedente, è qualitativamente migliore e produce immagini davvero degne di nota: ci auguriamo di vederlo in azione presto.


Per concludere, avete dunque compiuto con noi una veloce riflessione sulla situazione attuale e futura della fotocamera di iPhone, passando per il prodotto di punta di una “azienda rivale”. Quello che dunque ci auguriamo è che Apple, per quanto riguarda la fotocamera, proceda sulla strada della qualità e non dei numeri: in questo modo le foto scattate da iPhone faranno sempre invidia in termini di qualità ai possessori di qualsiasi super telefono cellulare.



Thanks to image owners and to iClarified.