Zoom, problemi di sicurezza per il Mac

di Giovanni Tripodi Commenta

In questo periodo di quarantena forzata sono tantissimi gli utenti che si stanno affidando all’applicazione Zoom sul proprio Mac per effettuare videochiamate soprattutto di lavoro, ma attenzione ad una nuova falla di sicurezza scoperta nelle ultime ore.

Bisogna dire come già in passato Zoom, che offre un servizio di videochiamata, sia stato affetto da numerosi problemi relativi proprio alla privacy ed alla sicurezza, ma a quanto pare gli sviluppatori non hanno risolto i vari bug. Nelle ultime ore infatti sono stati scovati altri due nuovi bug piuttosto seri appartenenti all’applicazione Zoom che consentono agli hacker di assumere praticamente il controllo dei vostri Mac. Possono infatti accedere semplicemente alla webcam, al microfono ed addirittura al root completo.

zoom

La scoperta di nuovi bug relativi all’app Zoom

Questa si tratta di una situazione alquanto grave e che deve essere necessariamente risolta, anche perché sono davvero tantissimi gli utenti che in questi giorni stanno utilizzando Zoom sui propri Mac. A scoprire questa incredibile falla di sicurezza è stato proprio un ex hacker, Patrick Wardle, che ormai da anni svolge il lavoro di ricercatore della sicurezza prezzo Jamf. Le sue scoperte sono state pubblicate sul suo blog personale, Objective-See, che ha proprio il compito di far aprire gli occhi agli utenti sulla vulnerabilità di molte applicazioni presenti sui pc, ma anche sui vari smartphone.

I recidivi problemi di sicurezza di Zoom

Wardle ha voluto mostrare i vari problemi di sicurezza di vulnerabilità che hanno attanagliato negli anni Zoom e che purtroppo non sono stati assolutamente risolti del tutto, come proprio quello relativo alla webcam ed alle videochiamate. Visto come Zoom sia fondato proprio sulla realizzazione di videochiamate tra utenti, possessori di Mac o no, risulta chiaro che gli sviluppatori del servizio non siano stati in grado negli anni di tutelari i propri utenti.

Anzi con questi due nuovi bug la situazione sembra essere addirittura peggiorata, con un hacker che può, in maniera alquanto semplice, arrivare a poter ottenere l’accesso root completo di un Mac. Il problema principale è che al momento gli ideatori di Zoom non abbiano assolutamente commentato la cosa, lasciando insomma correre la gravità della situazione, ma è consigliabile disinstallare quest’applicazione dal vostro Mac per evitare di imbattersi in un attacco hacker totale. Meglio optare per app più affidabili in questo momento per svolgere le videochiamate.