Mac con processori ARM alla WWDC 2020 e lancio a fine anno

di Giovanni Tripodi Commenta

Mancano ormai poche ore alla WWDC 2020, la conferenza di Apple in cui verranno mostrate principalmente le novità software e vedranno per la prima volta protagonisti tutti gli sviluppatori, grazie al mondo virtuale.

Ci si attende qualche sorpresa di rilievo da parte dell’azienda di Cupertino e l’analista Ming-Chi Kuo è fermamente convinto che potremo assistere al famoso passaggio, per il mondo Mac, dai processori Intel a quelli con architettura ARM realizzati dalla stessa Apple. Questa novità di rilievo sarà annunciata durante proprio la WWDC 2020, almeno stando a quanto raccontato dalle ultimissime ore proprio da Ming-Chi Kuo che ha rivelato più nel dettaglio quali sono le novità a riguardo previste per il futuro immediato.

processori ARM

Le novità Apple sul mondo Mac

Si potrà partire con due Mac, uno con schermo da 24 pollici, si parla più nel dettaglio di un iMac dal design completamente rinnovato e che Apple inizierà a commercializzare nel Q3 di questo 2020, seppur sarà dotato con processore Intel, ma a partire dal primo trimestre del 2021 inizieranno a circolare le varianti con processore ARM. L’altra novità riguarderà un MacBook Pro da 13 pollici che sarà il primo modello in assoluto con processore ARM e potrebbe arrivare o nell’ultimo trimestre del 2020 oppure sempre nel primo trimestre del 2021. Appena inizieranno ad emergere queste nuove varianti con processori realizzati interamente da Apple, si dirà definitivamente addio al mondo Intel.

Quanto tempo ci verrà per il passaggio definitivo ai processori ARM?

Il passaggio avverrà in maniera graduale, infatti questa prima variante cambierà solo il processore, poi verso la metà del 2021 ci sarà anche un rinnovamento estetico. Secondo l’analista Ming-Chi Kuo per assistere al passaggio completo ci vorranno da circa 12 ai 18 mesi, periodo in cui poi Apple potrà proporre Mac completamente rinnovati e del tutto distaccati dal mondo Intel. Ci sarà un forte incremento delle prestazioni che potrà avvenire dal 50 al 100%, quindi un bel passo in avanti per i modelli con i processori ARM. Dalle ultime indiscrezioni si parla di un primo processore ARM che avrà non meno di 12 core e sarà realizzato con processo produttivo a 5 nanometri. Attendiamo a questo punto con ansia che abbia inizio la WWDC 2020 per scoprire tutte le novità che Apple ha in serbo per gli amanti della mela morsicata.