Mac Pro: il marketing di Apple si dà alle parolacce

di Lorenzo Paletti 4

screen-shot-2013-10-28-at-3-43-54-pm

Il marketing di Apple è diventato un po’ più sboccato. Non solo il VP per il Marketing Phil Schiller aveva introdotto il nuovo Mac Pro dicendo: “Can’t innovate anymore my ass“, ma ora sembra che il marketing per il nuovo computer di punta di Cupertino sia incentrato sulle parolacce.

Nelle scorse ore un ristretto gruppo di giornalisti (nomi famosi del settore) hanno ricevuto da Cupertino un tubo nero contenente cinque poster promozionali per il nuovo Mac Pro. I poster riportano alcune fotografie in cui sono ritratti i dettagli dell’hardware del nuovo Mac Pro. E ogni poster è corredato da una frase che parla dell’impegno profuso da Apple nella costruzione del computer:

It’s the computer we were insane to build. The one that turns conventional thinking on its head, then kicks the living $#&% out of it. We challenged all our assumptions. Abandoned our preconceptions. And blew away limitation after limitation. This is the new Mac Pro. It’s like no Mac we’ve created before. And we can’t wait to see what you create with it.

È il computer che solo un pazzo avrebbe costruito. Quello che prende il pensiero convenzionale e lo ribalta a testa in giù, e poi ci tira fuori tutto quello che ha da offrire. Abbiamo messo alla prova i nostri presupposti. E spazzato via limitazione dopo limitazione. Questo è il nuovo Mac Pro. È un Mac come non ne abbiamo mai creati in precedenza. E non stiamo nella pelle di vedere cosa riuscirete a crearci.

Il testo in lingua inglese, però, è un po’ più crudo di così, e utilizza un modo di dire (kicking shit out of something) che si può tradurre letteralmente come prendere a pedate la me**a fuori da qualcosa. L’espressione, censurata nel messaggio di Apple tramite alcuni simboli, si utilizza in genere quando si intende dire che qualcuno o qualcosa è stato percosso in maniera violenta, ed in questo caso si intende dire che il design del nuovo Mac Pro è stato sfruttato a pieno per ottenere le migliori performance possibili.

[via]