Lavorare in Apple: ecco i requisiti e i profili più richiesti

di Giovanni Tripodi Commenta

Apple, azienda nata a Cupertino, nella Silicon Valley, è una delle realtà imprenditoriali più interessanti del pianeta. Steve Jobs, tra i fondatori dell’azienda e mente creativa per molti anni, è considerato una delle figure più influenti del nuovo millennio.

Il suo prodotto di punta, l’iPhone, e i suoi famosi MAC, sono uno status symbol prima di essere degli strumenti tecnologici e possederli resta ancora oggi uno dei desideri dei teenager, che all’uscita di un nuovo modello si accalcano davanti ai negozi ufficiali per avere il celebre melafonino.

Apple

Come lavorare in Apple?

Lavorare in Apple è quindi l’ambizione di molti professionisti del mondo dell’IT, che in molti casi cominciano con un lavoro in store e poi proseguono la propria carriera fino a ricoprire incarichi come manager.
Per riuscire a fare carriera però bisogna sbaragliare la folta concorrenza e per riuscirci è importante presentare un curriculum adeguato. Un titolo fondamentale è la laurea di 1° o 2° livello nel settore in cui si vuole crescere. Se si parte da titoli inferiori, si può sempre considerare la laurea magistrale online per ottenere il titolo senza abbandonare altri impegni ed evitare trasferimenti in altre città.

Tra gli indirizzi più in linea con la professione c’è sicuramente la laurea magistrale in ingegneria informatica, che consente di avere le basi per riuscire ad entrare nel mondo dei software Apple.

Con le Università telematiche si ha il vantaggio di poter seguire le lezioni e preparare gli esami a distanza, senza doversi necessariamente spostare o andare nelle sedi per le lezioni in presenza. Il sistema funziona mediante accesso a piattaforma online, nella quale sono caricate tutte le lezioni e i piani di studio. In Unicusano c’è anche la possibilità di scrivere al docente e concordare un orario in cui sentirsi, come succede con gli orari di ricevimento in università. Questa idea rappresenta quindi un’ottima soluzione per riuscire a fare pratica in azienda come addetto alla vendita e continuare a formarsi per accedere ad altre posizioni.

Quali sono i profili più ricercati?

In Italia l’azienda americana ha principalmente gli Apple Store, ossia i negozi adibiti alla vendita dei prodotti e all’assistenza dei clienti. La particolarità di Apple è quella di aver trasferito in Italia la metodologia lavorativa americana, basata sulla spinta motivazionale e quest’approccio innovativo è molto apprezzato dagli appassionati del brand. Tra i profili più ricercati quindi troviamo gli addetti dell’apple store, che oltre ad avere competenze nelle relazioni e possedere ottime capacità comunicative, devono essere appassionati di tecnologia e in grado di spiegare nel dettaglio il funzionamento dei programmi Apple. Salendo di posizione ci sono i tecnici, che lavorano nei laboratori di riparazione e di installazione dei software.

In questo caso una laurea in ingegneria informatica è essenziale. Si può infine arrivare alle sedi Apple in Italia, come quella di Milano, nella quale ricoprire ruoli manageriali e tecnici. Una delle competenze fondamentali per lavorare con l’azienda di Cupertino è infine la conoscenza dell’inglese, per due motivi principali: il linguaggio informatico, che è principalmente in inglese e l’opportunità di confrontarsi per aggiornamenti e formazione con la casa madre, che parla in inglese.