Mac: gli orrori ortografici.

di Emanuele L. Cavassa 12


Di solito, quando si tratta di sistemi operativi e di programmi, tutti si preoccupano di verificare i bug presenti, le falle di sicurezza, le problematiche dei software.
Non molti si preoccupano di vedere quali e quanti errori di traduzione ci sono nei programmi. In queste ultime serate d’agosto, ecco alcuni dei più evidenti e divertenti “orrori” d’ortografia dei traduttori.

Una piccola nota: tutto OS X, per chi arriva da Windows soprattutto, è un po’ strano nel suo linguaggio.
Con il Mac non si salva, si registra.
Il menu Edit è stato tradotto con Composizione, File con Archivio, e così via. Ricorda, a volte, i primissimi manuali italiani dell’IBM in cui Directory diventava Direttorio.



Pages: Importa erore.
No, non è sconosciuto: servono due R!

Keynote: gli Avisi documento.


In alcuni casi hanno due V, in altri una sola. 

iTunes: gli Aggiornamenti Impostazioni Operatore. 
Fino a qualche settimana fa, quando si presentava l’avviso della disponibilità di aggiornamenti delle impostazioni dell’operatore, il tasto di conferma invece che Aggiorna Impostazioni presentava il comando “Imposta Aggiornamenti”, evidentemente il traduttore aveva invertito le due parole.

Non è un software Apple, ma è per tutti noi Mac User: in VisualHub, quando il programma comincia il suo lavoro di conversione dei video, viene mostrata la scritta Praparo l’audio per il file…

Questi sono alcuni degli errori che abbiamo trovato in questi giorni: voi ne avete scovati altri? Qual è l’errore più simpatico davanti al quale siete incappati, quello che vi ha strappato un sorriso (o perché no, una fragorosa risata)?