Le tante cose di cui Apple supera il valore

di Andrea "C. Miller" Nepori Commenta

Nonostante una congiuntura economica mondiale e un andamento dei mercati fra i peggiori di sempre, nel corso delle ultime sedute del Nasdaq Apple ha conquistato il primo posto nella classifica delle principali aziende del mondo per capitalizzazione di mercato, distanziando di non pochi miliardi il colosso petrolifero Exxon Mobil. Come mi è già capitato di scrivere qualche tempo fa, il risvolto più divertente di questa (effimera) conquista consiste certamente nella possibilità di formulare astrusi confronti alla focus che mettono a paragone il valore dell’azienda di Cupertino (375 miliardi di dollari circa a fine settimana) con realtà totalmente fuori contesto. Josh Brown, giornalista finanziario freelance e blogger, ne ha addirittura ricavato un blog Tumblr, ad hoc: “Cose rispetto alle quali Apple vale di più”.

Ad ogni singola “cosa che vale meno di Apple”, Josh dedica un post relativamente dettagliato, con la spiegazione e tutti i numeri al loro posto. Ecco una dozzina di confronti attualmente pubblicati (quelli che ho ritenuto più divertenti). Apple vale di più di/del:

  • Il mercato statunitense degli accessori, dei prodotti di manutenzione e dei ricambi per auto, valutato all’incirca 285 miliardi di dollari
  • Il fatturato annuale dei negozi di abbigliamento statunitensi (150 miliardi di dollari)
  • Tutto l’oro della Federal Reserve (che però è tangibile e dal valore assai meno volatile rispetto alle azioni), per un totale di 350 miliardi di dollari
  • Il prodotto interno lordo di Singapore (318 miliardi di dollari)
  • Tutto il mercato mondiale della droga (valutato circa 321 miliardi di dollari)
  • Le franchise (libri, film, diritti, indotto ecc…) di Star Wars, Star Trek, Harry Potter, Stephen King e Twilight tutte assieme (totale complessivo di 49 miliardi di dollari)
  • Il prodotto interno lordo della Danimarca (337 milioni di dollari)
  • Tutta la terra coltivabile disponibile in Iowa e South Dakota (Apple potrebbe comprarla tutta a 4200$ per acro)
  • Il prodotto interno lordo di Siria, Israele, Giordania e Libano tutti assieme (60 + 213 + 28 + 43 miliardi di dollari)
  • Tutte le abitazioni di Atlanta, Georgia (274,8 miliardi di dollari)
  • 54 giorni di consumo globale di petrolio (7 miliardi di dollari al giorno)
  • tutte le banche dell’Eurozona (questa è la meno recente, ne avevamo già parlato)

Per altri confronti (aggiornati al valore reale giorno dopo giorno) non perdetevi gli update del blog di Josh Brown.