Aggiornamento a Mac OS X Leopard 10.5.6: risoluzione problemi

di Tiziano Dal Betto 33

Come spesso accade, andare a modificare un programma per eliminare un bug ne introduce altri. Capita, è umano, ed Apple, sfortunatamente, non fa eccezione, infatti ha ufficialmente riconosciuto un problema riscontrato da alcuni utenti nella fase di installazione dell’ultimo update del sistema operativo, rilasciato lunedì scorso.

Durante l’aggiornamento a Leopard 10.5.6 i Mac di alcuni utenti si erano bloccati sulla schermata di configurazione dell’installazione. A tal proposito Apple ha pubblicato sul suo sito, rigorosamente solo in inglese, una guida per risolvere il problema, che è dovuto a un tentativo di installare una patch che non era stata completamente scaricata da internet. Vediamo insieme come risolvere questo ed altri problemi relativi all’installazione dell’aggiornamento 10.5.6.

Apple suggerisce una procedura passo-passo che sintetizzo in tre semplici passaggi per il problema del riavvio:

  1. Uscire da Aggiornamento Software, eventualmente utilizzando Uscita forzata se il programma non risponde. Ricordo che per farlo, se non si riesce a cliccare sul menù mela perché inaccessibile o non risponde, occorre utilizzare la combinazione di tasti ⌥⌘⎋ (alt-cmd-esc)
  2. Aprire la cartella /Library/Updates e cancellare tutto il contenuto trascinandolo nel cestino.
  3. Utilizzare nuovamente Aggiornamento Software e riprovare la procedura di aggiornamento scaricando una seconda volta il pacchetto.

La guida suggerisce poi un metodo per evitare di avere problemi durante l’installazione di un upgrade del proprio sistema operativo: utilizzare la patch di aggiornamento standalone scaricabile dall’area Supporto del sito istituzionale di Apple.

Questo però non è l’unico inconveniente associato a Mac OS X 10.5.6: vediamo, con l’aiuto di MacFixIt, in dettaglio cos’altro può capitare con l’ultima release di Leopard.

Funzioni mancanti

  • E’ scomparsa nel menù della batteria l’opzione per cambiare le modalità di risparmio energetico.
  • Gli utenti che si connettono alla TV non hanno più l’opzione per abilitare l’overscan.

Entrambi questi problemi dovrebbero venire risolti direttamente da Apple con un successivo aggiornamento.

Avvio in Assistente installazione

Si tratta di un problema dovuto ad alcuni problemi con i permessi. Se capita, basta avviare il computer in Avvio sicuro (tenendo premuto il tasto shift durante il boot) e lanciare Utility disco per eseguire una riparazione dei permessi e un controllo del disco.

Mancata indicizzazione di Spotlight

In alcuni casi è sufficiente aggiungere il disco che non viene indicizzato nella lista Privacy (da Preferenze di Sistema / Spotlight) per cancellare l’indice e successivamente rimuoverlo dalla lista per consentire a Spotlight di riprendere l’indicizzazione. Se questo sistema non dovesse funzionare, allora è necessario resettare l’indicizzazione ricorrendo all’uso del terminale:

  • sudo mdutil -e -i on (lasciare uno spazio e trascinare il disco che non si indicizza nella finestra del terminale e infine premere invio)

Il reboot infinito

Durante l’aggiornamento il computer dovrebbe riavviarsi due volte, tuttavia ci sono casi in cui questo avviene in continuazione. Il problema è correlato ad un grave problema di corruzione dei dati sul disco.

Una soluzione potrebbe (non è certo che sia sufficiente) essere quella di avviare il Mac con il DVD di installazione ed eseguire una riparazione del disco fisso utilizzando Utility Disco. Se ciò non funziona, bisogna reinstallare il sistema operativo.

Problemi con il suono d’avvio

Pare che alcuni utenti al posto del classico “Bong” abbiano ora un “Pop“. Ci sono due soluzioni. La prima consiste nel riavviare il computer disconnettendo eventuali periferiche audio. La seconda è quella di resettare la PRAM, avviando il Mac tenendo premuto ⌥⌘PR (alt-cmd-P-R)

Bluetooth

Alcuni utenti che utilizzano vecchi Mac PowerPC lamentano il fatto che il bluetooth abbia smesso di funzionare e che sia anche scomparsa l’icona dall’area di stato. Il problema si può risolvere o rimuovendo tutti i dispositivi bluetooth dalle Preferenze di Sistema, oppure riavviando il computer dopo aver rimosso tutti gli eventuali connettori bluetooth di terze parti connessi al Mac.

Airport

Alcuni utenti lamentano il fatto di non potersi più connettere a reti wireless. Sembra che il problema si risolva da solo dopo aver riavviato ed eventualmente aver riparato i permessi con Utility Disco. Può essere inoltre d’aiuto resettare il router al quale si è connessi per riassegnare gli indirizzi IP. Altri utenti hanno risolto con un reset della PRAM (vedi sopra)

Time Machine

Il primo backup dopo l’aggiornamento è molto lungo, ed è normale che sia così perché il sistema si sta assicurando di archiviare tutti i file in maniera corretta: non lo si deve interrompere. Da me il backup era superiore ai 3 GB e ci ha impiegato circa un’ora. Altri sono meno fortunati e ottengono ripetuti fallimenti nel backup o problemi di privilegi di accesso.

Una soluzione potrebbe essere di resettare completamente la Time Machine:

  1. Rimuovere i backup
  2. Spegnere la Time Machine
  3. Spegnere il computer
  4. Rimuovere il disco dall’USB
  5. Riavviare il computer

Quando il computer è completamente riavviato, reinserire il disco nell’USB e riavviare il servizio della Time Machine.

Mail

Ad alcuni utenti Mail andava in crash dopo l’aggiornamento, mentre si tenta di leggere i messaggi. Altri lamentano l’impossibilità di aprire il client di posta elettronica.Per alcuni la soluzione è stata di disabilitare dei plugin, ma ad altri non è stato sufficiente.

Alcune soluzioni possono essere:

  • Riapplicare il combo update.
  • Cancellare le preferenze: occorre rimuovere il file com.apple.Mail.plist dalla cartella /nome utente/Library/Preferences/ e poi rilanciare Mail
  • Ricostruire le caselle di posta: lanciare Mail tenendo premuto il tasto shift e successivamente utilizzar e la funzione “Ricostruisci” dal menù “Casella” per ogni mailbox configurata.

Trackpad

Alcuni utenti lamentano problemi di perdita di funzionalità del trackpad del loro MacBook. Questo inconveniente si manifesta soltanto nel Finder, mentre le altre applicazioni continuano ad interpretare correttamente i comandi mutitouch. Sembra che il problema si manifesti soltanto sui modelli meno recenti di MacBook, ma purtroppo al momento non c’è ancora una soluzione.

Problemi di Jailbreak/Unlock di iPhone

Come avevo già detto, dopo l’aggiornamento iTunes non riconosce più un iPhone collegato in modalità DFU. Per risolvere il problema occorre rimpiazzare alcuni file di Mac OS X 10.5.6 con le vecchie versioni di 10.5.5, sostituendo i file nell’estensione del kernel IOUSBFamily.kext, come spiegato in dettaglio da Michele questa mattina: ripristinare il DFU mode in Leopard 10.5.6.

[Via Cnet, MacFixIt]