iPhone nano e MacBook economici nel 2009

di Michele Baratelli 10

iPhone nano.

Se ne parla da giorni ormai di questo iPhone nano tanto che mi sono abituato all’idea e ho già accantonato dei soldini per il suo acquisto: l’arrivo di un nuovo MacBook più economico è nuova. O meglio, è relativamente nuova perché era il rumor che circolava prima che Steve Jobs presentasse i nuovi portatili. A rilanciare in maniera prepotente questi due rumors è la CNN tramite il suo sito CNNMoney. Mettano il cuore in pace coloro che attendono questi nuovi prodotti tra meno di una settimana al MacWorld: potrebbero essere disponibili certamente nel 2009, ma, non nei primi mesi.

Le indiscrezioni che negli ultimi mesi giungono sui nostri monitor si rivelano, spesso, più azzeccate che in passato. Il motivo è semplice: Apple ormai è costretta a demandare la produzione a più ditte asiatiche che, sempre più spesso, si divertono a rilasciare le prime informazioni mettendo così in moto tutta la macchina dei rumors.

Si parla ancora di un iPhone nano che sarà “la versione più economica dell’iPhone attuale”: sempre che non sia abbinato a un oneroso contratto con i vari operatori telefonici mondiali. Questo nuovo melafonino potrebbe avere anche un altro nome: la cosa certa è che, comunque si chiami, è in arrivo.

Oltre ad un iPhone più economico, Apple avrebbe in cantiere anche un MacBook più economico che, sempre secondo l’articolista di casa “Time Warner” non sarà un netbook ma un portatile “al risparmio”. Non vedremo però questo nuovo prodotto al MacWorld ma sarà presentato durante l’anno appena iniziato.

Oltre a questi prodotti, Apple avrebbe in cantiere anche un nuovo iPod shuffle più piccolo di quello attuale che invece potrebbe essere reso disponibile proprio nel primo quarto del 2009 e quindi potrebbe essere presentato al MacWorld.

Andando oltre queste indiscrezioni, è interessante come per gli analisti Apple si stia orientando anche verso prodotti dai prezzi più abbordabili: che sia frutto della crisi economica? Difficile a dirsi, la cosa certa è però che Apple, tramite questa mossa, guadagnerà fette di mercato impensabili fino a poco tempo fa. E magari l’iPhone nano farà la sua parte.