iPhone 5, round-up dei rumors

di Andrea "C. Miller" Nepori 5

Nel corso delle ultime settimane si sono lette sul Web illazioni di ogni tipo sul prossimo modello di iPhone, tanto sulla data quanto sulle caratteristiche del prossimo melafonino.
Si sa che ogni evento di questo genere è accompagnato da una ridda di ipotesi che si riveleranno esatte solo in parte ma quello che preoccupa non sono le indiscrezioni, quanto il fatto che si comincino a leggere in giro articoli che ammantano quelle speculazioni di certezza assoluta. Lo fanno anche testate importanti e rispettate, con il risultato di confondere parecchio le idee dei lettori. Il risultato lo posso tastare con mano personalmente: ogni anno si moltiplicano amici e conoscenti che sanno di cosa mi occupo e mi chiedono con insistenza di dirgli di più sul nuovo iPhone, di cui ormai, secondo quello che hanno letto, si sa già tutto.

Cercare di spiegare loro che di un dispositivo Apple non si sa nulla di certo fino all’ufficialità non è facile ed è ancora meno facile fargli capire che tutte le cose che hanno letto sono indiscrezioni date per certe da giornalisti che non hanno fonti diverse da quelle di tutti o non sono affatto più ammanicati di altri con la Mothership.
L’unica cosa che si può fare al momento è raccogliere le indiscrezioni che girano, consapevoli del tipo di materiale che si sta maneggiando. E’ con questo spirito che mi accingo a fornirvi questo veloce riassunto dei principali (e credibili) iPhone rumors comparsi negli ultimi giorni.

Data di lancio. Su questo punto si sono sprecate le illazioni più disparate. Il time-frame più probabile per il lancio è fine settembre-inizio ottobre. Ma c’è l’incognita dei pre-ordini e di una presentazione preventiva durante uno speciale evento dedicato (o durante l’evento musicale settembrino). In questa fase possiamo tutti tirare a indovinare con le stesse probabilità di azzeccare il giorno. Non a caso è partito il TotoiPhone a cui tutti possono partecipare.

Fattore di forma. L’iPhone 5 sarà radicalmente diverso dall’iPhone 4? Oppure manterrà più o meno le stesse proporzioni e continuerà ad utilizzare gli stessi materiali? Per quanto possano essere attendibili, sono comparse sul mercato le prime custodie per il nuovo melafonino, come sempre in anticipo sui tempi (ormai è una costante dei lanci degli iDevice). A giudicare da quelle il retro sarà bombato e meno spigoloso rispetto all’attuale modello, ma chissà.

Caratteristiche tecniche. Su questo punto non c’è molto da dire, perché di certezze proprio non ce ne sono. Ci sono soltanto “buone probabilità”. Una fotocamera da 8 megapixel potrebbe essere una delle nuove caratteristiche dell’iPhone che verrà, così come uno schermo leggermente più grande (sempre Retina e con la stessa risoluzione) e una revisione dell’antenna che per quanto non abbia impedito all’iPhone 4 di andar via come gli sfilatini in una domenica mattina d’agosto quando in città c’è una sola panetteria aperta rimane uno dei punti critici di un design che per il resto regge benissimo da più di un anno.

iPhone 4S o iPhone 5? Il dubbio sulla nomenclatura è legittimo. Il prossimo iPhone sarà un’evoluzione del design dell’iPhone 4 (come sostengono certe fonti asiatiche di Reuters) oppure cambierà radicalmente il look del melafonino ancora una volta? Nel primo caso, che sarebbe una riproposizione del “pattern evolutivo” già visto con il passaggio da 3G a 3GS, avrebbe senso parlare di iPhone 4S, mentre iPhone 5 potrebbe in effetti designare un cambiamento più radicale e generale.

iPhone 4 8GB. Ad oggi l’iPhone 3GS da 8GB rimane in commercio come “iPhone di fascia bassa”. Ci sono buone possibilità, e recenti rumors sembrano confermarlo, che con l’uscita di un nuovo melafonino quel posto spetti di diritto all’iPhone 4. Ma un iPhone 4 è ancora abbastanza costoso da costruire e per poterlo offrire ad un prezzo inferiore (che sicuramente avrebbe un ottimo effetto sulle vendite) Apple deve certamente tagliare qua e là per risparmiare. 8GB di storage flash in meno per cominciare, ma magari anche una revisione delle schermo (il più economico Retina Display dell’iPod touch, magari?) e qualche altro ritocchino sui materiali. Staremo a vedere.

World Phone. Una delle poche cose che si possono archiviare nello scaffale delle certezze. Il prossimo iPhone sarà quasi sicuramente un telefono in grado di funzionare sia su GSM che su CDMA. Non ha più molto senso continuare con un fork del sistema operativo e due tipologie di telefoni diversi. Per accontentare Verizon e At&T Apple potrà tornare a produrre un unico dispositivo. Il Chip QualComm dell’iPhone Verizon è già compatibile con questa modalità e gli sviluppatori hanno iniziato a segnalare la presenza nei log di dispositivi dual-mode in fase di test sul campo.