Apple ha acquisito C3 Technologies per le mappe 3D?

di Luca Iannario 1

Un grande punto di domanda, visto che si sa soltanto che l’azienda svedese C3 Technologies è stata acquisita da qualcuno durante il mese di luglio. Saab AB, infatti, ha annunciato il mese scorso di aver ceduto il 57,8% delle azioni (e quindi la quota di maggioranza dell’azienda) per 150 milioni di dollari.

Nel frattempo il sito Web di C3 è stato oscurato, sebbene sia possibile ancora sfogliare qualche pagina attraverso la copia cache di Google. Come riporta Nyteknik.se, sito Web svedese specializzato nel mondo dell’IT, l’unica informazione pubblica è che il compratore non è svedese.

“Abbiamo promesso di non svelare chi è l’acquirente”, ha rivelato Saab sottolineando che si tratta di un affare da un miliardo di dollari. “Ma non si tratta di aziende cinesi o asiatiche. E’ un’azienda della sfera occidentale”. I nomi che saltano subito in mente sono Google, Microsoft e Apple anche se non è possibile affermare con certezza chi sia il reale acquirente.

E’ certo, però, che le mappe 3D realizzate dall’azienda svedese aprirebbero le porte ad una nuova frontiera del mapping soprattutto sui dispositivi mobili, visto che il prodotto è già in fase di sviluppo su iOS e Android. Grazie ad una serie di scatti realizzati ad alta quota da un numero non definito di fotocamere digitali di fascia professionale è possibile ricostruire il modello reale in 3D della scena, grazie alle tecniche di computer vision messe a punto da C3, partendo da una serie di immagini bidimensionali.

“A differenza di Google o Bing”, sostiene Paul Smith (CSO di C3), “tutte le nostre mappe sono esplorabili a 360° e tutto, ogni edificio, ogni albero, ogni punto di riferimento, dal centro della città alla periferia è catturato in 3D, non soltanto un sottoinsieme di edifici”.

Se l’acquirente fosse Apple, l’azienda di Cupertino potrebbe finalmente rendersi indipendente dalle mappe di Google e creare un servizio proprietario da integrare in iOS e nel relativo SDK a disposizione degli sviluppatori di terze parti.

[via]