Psystar: Apple sveli i sistemi anti-copia di OS X

di Andrea "C. Miller" Nepori 9

La battaglia legale fra Apple e Psystar continua. L’ultimo capitolo della saga fa seguito alle recenti richieste di Summary Judgement (giudizio anticipato) depositate presso la corte del Nord della California da entrambe le parti. Diversi stralci del documento depositato da Apple sono secretati, in ottemperanza ad un accordo firmato dal giudice Alsup poco dopo l’avvio del procedimento legale. Le parti che non possono comparire nei documenti pubblici sono quelle relative ai sistemi di sicurezza creati da Apple per impedire la contraffazione di OS X e l’installazione del sistema operativo su hardware non Apple.

Psystar adesso sostiene che quegli omissis non sono pertinenti, perché tali informazioni sono già disponibili su internet in via non ufficiale, e chiede perciò che la richiesta di Summary Judgement di Apple non venga accettata.

Gli avvocati del clone maker sono arrivati fino ad allegare alla propria richiesta una lista di link a siti internet che, in maniera del tutto illegittima, contengono informazioni sui sistemi di sicurezza messi in atto da Apple per impedire, come da contratto, che Mac OS X possa venir installato su un comune PC.

Gli omissis si possono accettare per la “ricetta della Coca Cola”, sostengono i legali di Psystar seguendo una propria sgangherata logica, ma non certo per delle informazioni che sono reperibili liberamente su internet. Poco importa se esse si trovano su siti privi di qualsivoglia ufficialità in pura violazione del copyright di Apple.

La risposta di Cupertino è stata decisa. Il fulcro del dibattimento è la violazione da parte di Psystar di misure di sicurezza presenti in Mac OS X al fine di installare tale sistema operativo su PC comuni. Al pubblico non serve conoscere nel dettaglio tali tecniche, peraltro segrete, al fine di formarsi un’opinione sulla condotta di Psystar.

Il prossimo 12 novembre il giudice Alsup si esprimerà su entrambe le richieste di Summary Judgement. Se nessuna delle due dovesse essere accolta si andrà direttamente al processo, previsto per gennaio 2010.

Un paio di giorni fa Psystar ha lanciato Rebel EFI, un software a pagamento che consente di bypassare i controlli di Mac OS X e di installare il sistema operativo di Apple su comuni PC. Non è chiaro se questo nuovo sviluppo potrà influire sulle decisioni della corte e se Apple abbia intenzione di rispondere alla provocazione con un’altra denuncia.