Isaacson: Google innova più di Apple, Tim Cook è vulnerabile

di Lorenzo Paletti 20

isaacsonjobs

Mentre Aaron Sorkin ha consegnato a Sony la sceneggiatura completa del film ispirato alla biografia di Steve Jobs, l’autore del libro, Walter Isaacson, ha detto la sua riguardo l’attuale situazione della Silicon Valley. Il giudizio del giornalista? Google è la compagnia più innovativa, senza dubbio. Tim Cook è un uomo vulnerabile.

Isaacson ha rilasciato queste dichiarazioni durante una intervista con CNBC:

Google che compra NEST mostra quanto forte e integrata sia la strategia di Google per collegare tutti i nostri dispositivi, le nostre vite… L’Internet delle cose è reale, questi sono i dispositivi che vorremo avere, e Google sta prendendo piede in quel settore. La più grande innovazione oggi arriva da Google. Fadell era uno del team che ha creato iPod. Era pienamente immerso nella cultura di Apple… Quando Apple era così innovativa… Ora Tony Fadell lavora a Google perché fa parte del piano di vendita di Nest.

Quando l’intervistatore ha fatto notare a Isaacson che nei laboratori di Apple si sta certamente sviluppando la prossima grande rivoluzione tecnologica, l’autore della biografia ha risposto che Jobs avrebbe voluto portare quella rivoluzione sul mercato ora. Anzi, ieri. E il fatto che Tim Cook non l’abbia ancora fatto dimostra quanto sia vulnerabile.

Penso che ora Tim Cook abbia fatto qualcosa di grande in Cina, e ha due cose da fare… Nell’incontro con gli investitori di febbraio penso che dovranno cominciare a pensare a chi prenderà il controllo del consiglio di amministrazione dopo di lui. Questa board è della gente di Steve Jobs. Non sono esattamente fanatici di Tim Cook. In secondo luogo, dovrà dimostrare in quale settore porterà una rivoluzione. Saranno i dispositivi portatili? Sarà un orologio? Sarà un televisore? Lo vedremo nel 2014, ma Apple nasconde qualcosa di grosso.

E se si trattasse solo di un iPhone e di un iPad con schermi più grandi?

[via]