iPad: nuovo meccanismo per accesso e condivisione dei file

di Redazione 28

Con l’introduzione di un nuovo prodotto come iPad, Apple ha colto l’occasione per rivedere i meccanismi con i quali le applicazioni organizzano i documenti all’interno del dispositivo, abbandonando l’idea di file system gerarchico e rendendo l’accesso e la condivisione dei file tra iPad ed altri computer più semplice ed intuitiva.

Nel nuovo iPad, infatti, Apple ha deciso di abbandonare il tradizionale file system condiviso e ne ha introdotto uno nuovo, attraverso una nuova convenzione più efficiente, che dovrebbe rivelarsi più semplice da comprendere per gli utenti. Proprio per come è stato pensato, iPad sarà un dispositivo che, probabilmente, sarà più apprezzato da coloro che non hanno un grandissimo feeling con la tecnologia informatica, piuttosto che dagli “smanettoni”. E, credetemi, l’idea di cercare un file attraverso un file system gerarchico risulta praticamente un mistero per l’utente medio. Nessuna offesa, ci mancherebbe; ed proprio per questo motivo che Apple ha deciso di cambiare rotta.

Ad esempio, durante la presentazione di iWork per iPad molti avranno notato che l’apertura di un file non consiste nello sfogliare la gerarchia del proprio file system; al contrario ogni applicazione è già consapevole, alla sua apertura, di quali file ha a disposizione e li propone all’utente attraverso un meccanismo simile al Quick View di Mac OS X (in pratica, una scelta guidata). Per fare ciò, ogni applicazione salva tutti i documenti nella propria cartella di installazione.

Inoltre, ogni singola applicazione può stabilire se condividere o meno i propri documenti tramite la rete wireless. Grazie a Bonjour, iPad sarà riconosciuto da ogni computer connesso alla stessa rete e presenterà una cartella condivisa per ogni applicazione che avrà abilitato la condivisione. In questo modo, per scambiare documenti con iPad basterà trascinarli nelle apposite cartelle.

[via]