Dopo Her, Scarlett Johansson dice la sua su Siri

di Lorenzo Paletti Commenta

o-SIRI-570

Siri se la prende quando la si scambia per Her? Scarlett Johansson, che dà la voce all’assistente digitale protagonista del nuovo film di Spike Jonze, ha fatto sapere cosa ne pensa dell’assistente vocale di Apple (spoiler alert: è una doppiogiochista).

Her è il nuovo film di Spike Jonze. Il protagonista, interpretato da Joaquin Phoenix, è uno scrittore che si innamora del suo assistente virtuale. A dare la voce a quella che, giustamente, viene chiamata Her c’è Scarlett Johansson. La scorsa settimana Buzzfeed aveva scoperto che, chiedendo a Siri se questa fosse “Lei”, “Her”, Siri rispondeva in modo acido riferendosi al film di Jonze.

Ora Scarlett Johansson ha risposto a Siri. Durante una intervista con Vanity Fair, all’attrice è stato chiesto cosa ne pensasse della questione Siri e Her. Hohansson ha risposto:

Mi sento tradita. L’altro giorno ho chiesto a Siri come le sembravo e lei ha risposto: “Sei la più bella del reame”. Quindi stava chiaramente facendo la dopppiogiochista. Ma che diavolo! Una vera pugnalata alle spalle.

Ora Scarlett sarà la nuova immagine di SodaStream, compagnia che produce accessori in grado di produrre acqua gasata e bibite gasate. Il film di Jonze deve avere fatto breccia anche nel cuore dei dirigenti dell’azienda, che avrebbero persino preso in considerazione di produrre una versione della macchina completa di sintetizzatore vocale basato sulla voce di Scarlett Johansson.

La voce di Johansson, calda e amichevole, semplifica il processo di innamoramento per il personaggio di Phoenix. Siri, invece, schiva e acida, non rappresenta esattamente il genere di persona di cui ci si innamora facilmente.

Possibile che Apple abbia volutamente reso scorbutica Siri per evitare relazioni tra iPhone e il suo possessore? Sembra una possibilità.

[via]