Apple Store Firenze Piazza della Repubblica: compaiono le offerte di lavoro sul sito Apple

di Lorenzo Paletti Commenta

Apple ha pubblicato sul suo sito nuove offerte di lavoro per l'Apple Retail Store di Piazza della Repubblica a Firenze. Il nuovo Apple Store potrebbe avere le caratteristiche di quello recentemente aperto nell'Upper East Coast.

www.usnews

Sul nuovo sito di Apple sono comparse delle offerte di lavoro per un nuovo Apple Retail Store italiano. Si tratta dello store che sorgerà a Firenze, in Piazza della Repubblica, sul suolo che fino a due anni fa era occupato dalla banca BNL.

Le posizioni offerte da Apple sono le più svariate. Cupertino cerca Creative, Esperti, Genius e membri che possano prendere parte all’Apple Store Leader Program per neo-laureati, oltre a Manager,Market Leader, Solution Engineer, Specialisti, Store Leader, Specialisti Assistenza e Senior Manager.

Quello di Piazza della Repubblica è il secondo Apple Store fiorentino, e il fatto che sorgerà nei locali precedentemente occupati da una banca fa pensare ovviamente all’Apple Retail Store recentemente aperto nell’Upper East Side di New York.

Come per l’Apple Store di Piazza della Repubblica, anche i locali dell’Upper East Side erano in precedenza occupati da una banca. Apple ha sfruttato il caveau per trasformarlo in un raffinato salotto dove sedersi e provare con calma Apple Watch. Considerato che anche in Piazza della Repubblica è presente un caveau, Apple potrebbe optare per la stessa strada.

L’Apple Retail Store fiorentino potrebbe anche essere il primo italiano con il nuovo design inaugurato proprio nell’Upper East Side. Da mesi Angela Ahrendts, Senior VP per gli Apple Store, e Jony Ive, supervisore del design a Cupertino, lavorano ad un modo per cambiare l’aspetto degli Apple Store.

Il negozio dell’Upper East Side mantiene lo stile Apple, ma appare decisamente diverso rispetto agli altri Apple Retail Store, per esempio facendo un uso maggiore del legno e di cassetti per nascondere le confezioni di oggetti e accessori, e diminuendo in generale il numero di accessori in vendita per concentrarsi su pochi prodotti (ma buoni).