Apple-Spotify, è guerra sulla questione commissioni

di Gio Tuzzi Commenta

Questione calda in merito alla vicenda Apple-Spotify, con una vera e propria guerra sulla questione commissioni che sta facendo discutere molto

Importante analizzare bene oggi 17 marzo alcuni dettagli a proposito della nuova guerra Apple-Spotify, visto che quest’ultima a quanto pare non intende più riconoscere una commissione del 30% alla mela morsicata per i movimenti che si vengono a creare attraverso l’App Store, secondo quanto raccolto oggi 17 marzo.

In particolare, tutto ruota fondamentalmente attorno a tre punti che questa mattina dobbiamo assolutamente approfondire per mettere a fuoco la vicenda qui da noi:

  1. Le app devono essere in grado di competere in modo equo nel merito e non in base a chi possiede l’App Store. Dovremmo essere tutti sottoposti allo stesso insieme di regole e restrizioni, incluso Apple Music

  2. In secondo luogo, i consumatori dovrebbero poter avere una vera scelta di sistemi di pagamento e non essere bloccati o costretti a utilizzare sistemi con tariffe discriminatorie come quelle di Apple

  3. Infine, gli app store non dovrebbero essere autorizzati a controllare le comunicazioni tra i servizi e gli utenti, compresa l’introduzione di restrizioni sleali al marketing e promozioni a vantaggio dei consumatori

Staremo a vedere quali saranno i prossimi capitoli da aggiungere a questa vicenda, nell’ambito di una disputa Apple-Spotify che ci regalerà sicuramente altre notizie nei prossimi giorni dopo le prime indiscrezioni trapelate di recente.