iPod Touch, una minaccia per iPhone?

di Gabriele Contilli 11

Stando alle ultime statistiche, l’iPod Touch avrebbe subìto un aumento significativo di vendite a discapito dell’iPhone che, invece, sembra attestarsi su ritmi di vendita più bassi. I due fenomeni, presumibilmente, risultano legati a doppio filo.

A suffragare la maggiore popolarità dell’iPod Touch rispetto a iPhone ci pensa AdMob, società che si occupa di pubblicità su oltre 6000 siti web, e che ha registrato un aumento significativo di accessi da iPod Touch negli ultimi mesi; si è passati da 86 milioni di richieste di elementi pubblicitari di Novembre, ai 292 milioni di Dicembre. In più la Rogers Communications (l’operatore telefonico che ha l’esclusiva per iPhone 3G in Canada, ndA), ha reso noto il numero di iPhone venduti nell’ultimo quarto dell’anno: solo 130.000, circa 200.000 in meno rispetto al quarto precedente. Cerchiamo di capire il perché.

L’iPod Touch, dalla sua, ha sicuramente un vantaggio prettamente economico: con un prezzo che oscilla dai 219€ ai 379€ (per le versioni da 8GB e 32GB), il device costa meno di un iPhone comprato senza canone mensile. Se invece paragoniamo il costo di un iPod Touch con quello di un iPhone in abbonamento con AT&T negli Stati Uniti (ma anche il paragone con Vodafone e TIM qui in Italia funzionerebbe lo stesso), il secondo costerebbe sicuramente di meno ma il vincolo contrattuale di due anni (e relativo canone mensile) fungono da deterrente efficace per chi desiderasse uno dei device touch di Apple.

In più, grazie ad App Store, l’iPod Touch sta diventando una vera e propria consolle portatile, alla stregua di Nintendo DS e PSP: Apple lo aveva preannunciato, ed i consumatori se ne stanno rendendo conto. Come ha rivelato Matt Murphy, amministratore dell’iFund per le applicazioni dell’App Store, a BusinessWeek, sempre più utenti usano l’iPod Touch per il social networking e per altre applicazioni (giochi compresi), al punto da rendere il device una buona alternativa a un computer.

Con un costo inferiore, nessun vincolo mensile e possibilità d’espansione infinite (grazie ad App Store), Apple dovrà rivedere qualcosa nella sua strategia? Vendere contemporaneamente due prodotti così simili (in fondo l’iPod Touch è un iPhone senza phone) può comportare davvero un rischio per iPhone o si tratta di due mercati ben distinti tra loro? Le statistiche sembrerebbero condannare precocemente il telefono di Cupertino, ma siamo fiduciosi che Apple abbia in mente qualche mossa strategica per evitare che ciò accada (eliminare l’iPod Touch prima che minacci seriamente l’iPhone?). A questo punto, con un pizzico di timore, dobbiamo iniziare a pensare che Ballmer avesse ragione?

[Via|CultOfMac]