La RAM dei nuovi Mac Mini è saldata sulla scheda madre

di Lorenzo Paletti 3

La RAM dei nuovi Mac Mini presentati ad ottobre 2014 non potrà essere aggiornata dopo l'acquisto perché è saldata alla scheda madre. Nonostante il design del computer sia rimasto invariato, e la precedente generazione permettesse la sostituzione da parte dell'utente.

macmini1-250x254

Ad Apple sono serviti due anni per riuscire ad aggiornare il suo Mac Mini, e ora che è possibile ordinare la nuova iterazione su Apple Online Store, arrivano le cattive notizie. Non solo non è possibile montare un processore quad-core o un disco da più di 1TB sul nuovo Mac Mini, ma non sarà nemmeno possibile cambiarne la ram in un secondo momento.

Quando Cupertino ha introdotto il design unibody di Mac Mini aveva passato diverso tempo a tessere le lodi del semplice sisetma di apertura con cui era stato costruito il lato inferiore del dispositivo. Con la rotazione di un disco di plastica era infatti immediato l’accesso ai componenti interni del Mac. In questo modo era possibile cambiare in pochi istanti la RAM del computer.

Ora Brian Stucki di Macmincolo, che ha tra le mani un modello di Mac Mini della nuova generazione, conferma che non è possibile montare una RAM diversa da quella già installata su Mac Mini. Cupertino, infatti, ha scelto di saldare la memoria RAM sulla scheda madre, rendendo di fatto impossibile la rimozione dei banchi preinstallati.

Questo significa che sarà possibile acqusitare al più 16GB di RAM durante il processo di ordine di Mac Mini su Apple Online Store, e ci si dovrà accontentare di quella RAM per tutta la durata della vita del computer.

Stucki assicura invece che è possibile sostituire il disco rigido, anche se l’operazione potrebbe invalidare la garanzia del computer.

Non è la prima volta che Apple sceglie di saldare la memoria RAM ad un suo computer. Mentre sulle vecchie generazioni di MacBook Unibody ed iPad la sostituzione dei banchi di RAM era un gioco da ragazzi, la miniaturizzazione e la ricerca di forme sempre più sottili ha costretto Cupertnio a scendere a compromessi, limitando la personalizzabilità dell’hardware dei suoi computer dopo l’acquisto.

Mac Mini, però, rimane un computer dalle forme tutt’altro che sottili, e considerato che le precedenti generazioni permettevano il cambio di RAM, siamo spinti a credere che l’unica ragione che ha spinto Apple a passare alle memorie saldate sulla scheda madre sia di origine strettamente economica.

[via]