Intel: chip Arrendale nei prossimi MacBook Pro?

di Luca Iannario 6

0906mbpfam_screens_0

Intel ha annunciato ufficialmente che la nuova linea di processori denominata “Arrendale” verrà prodotta e spedita ai costruttori nei prossimi giorni. Con il termine Arrendale si indicano i processori dual-core basati su architettura Nehalem e destinati al mercato dei computer portatili. Inoltre, i nuovi chip verranno ufficialmente presentati al grande pubblico durante il prossimo CES (Consumer Electronics Show) che inizierà il 7 gennaio 2010. Alcuni esperti “futurologi”, ritengono che le nuove CPU potrebbero essere impiegate da Apple nella prossima linea di MacBook Pro.

La presentazione dei nuovi Core i3 e Core i5 avverrà durante la conferenza stampa tenuta dall’amministratore delegato Paul Otellini durante la quale sono attese anche le CPU Core i7. Intel ha già rivelato che l’azienda immetterà sul mercato 17 nuovi modelli di processori nel 2010, chiaro segno di forza del colosso di Santa Clara.

Tutte le CPU denominate Core iX sono basate sulla nuova architettura Nehalem di Intel e seguono un processo produttivo a 32nm, garantendo un aumento delle capacità di calcolo e di grafica pur avendo consumi elettrici inferiori. Tra le novità più rilevanti, l’introduzione del terzo livello di cache integrata (3 o 4 MB) e l’abbandono del classico Front Side Bus (FSB, bus parallelo e pietra miliare dei calcolatori fin dalla loro nascita) per far spazio ad un nuovo tipo di bus seriale, brevettato da Intel con il nome di Quick Path Interconnetion (QPI).

Inoltre, a differenza degli attuali Core 2 Duo, i processori Arrendale avranno il controllore di memoria (conosciuto anche NorthBridge) integrato e non nel chipset della scheda madre. Attualmente, invece, Apple utilizza chipset prodotti da Nvidia che difficilmente potranno essere utilizzati in futuro a causa di un’azione giudiziaria che ne ha impedito lo sviluppo.

Apple è solita impiegare nei suoi MacBook Pro la stessa linea di processori utilizzati in ambito desktop negli all-in-one; dal momento che i nuovi iMac sono già equipaggiati con le versioni desktop dei Core i5 e i7, è facile pensare che verranno utilizzati gli equivalenti processori per notebook nella prossima linea di portatili. Un punto a sfavore c’è ed è rappresentato dal chipset grafico integrato in Arrendale, non gradito da Cupertino per motivi che abbiamo già illustrato in un precedente articolo.

[via]