iMac come Dock per i nuovi portatili e la porta misteriosa

di Andrea "C. Miller" Nepori 20

Le immagini dei nuovi MacBook che hanno cominciato a fare il giro della rete suggeriscono due aspetti fondamentali: tutte le porte e le connessioni dei nuovi notebook si trovano sul lato sinistro della scocca e lo spessore dei nuovi portatili sarà sicuramente inferiore rispetto agli attuali modelli. Tali indizi sono bastati per suggerire al buon Jesus Diaz di Gizmodo di rispolverare un concept che Apple ha effettivamente brevettato  tempo addietro: l’iMac Dock. Si tratta in pratica di una specie di iMac in cui è possibile inserire il portatile trasformandolo in un computer desktop. Futura possibilità o solo fantasia?

Siamo sinceri: le probabilità che un prodotto di questo genere venga presentato domani sono quanto mai scarse. Interessante notare come tutti i pianeti sembrino però allinearsi a supporto di questa strampalata idea di Gizmodo: porte e connessioni spostate interamente sul lato sinistro del portatile, drive ottico posizionato sulla destra e, ovviamente, esistenza di un brevetto che ipotizza proprio una soluzione di questo tipo fra la moltitudine di documenti depositati da Apple presso l’U.S. patent Office.

Ma come se non bastasse, a stuzzicare i sofismi di tutti gli amanti Apple, che non si arrendono e pretendono di diritto una strabiliante One More Thing, ci pensano le foto di cui vi abbiamo parlato stamani. Nell’immagine (sotto) che mostra le connessioni sulla nuova scocca del MacBook Pro è presente una porta, coperta da nastro adesivo, che non si riesce ad identificare totalmente. Ad un primo sguardo potrebbe trattarsi di una connessione DVI oppure HDMI, ma in entrambi i casi sarebbe certamente posizionata in una zona decisamente poco agevole. L’ipotesi è che potrebbe essere niente meno che una connessione proprietaria di Apple necessaria proprio per collegare il portatile all’iMac Dock. Del resto la posizione di tale porta combacia all’incirca con la zona in cui sarebbe presente il plug interno alla docking station nei disegni del brevetto (sopra).

Secondo alcuni la presenza di un foro circolare poco distante infittisce ancora di più il mistero anche se potrebbe semplicemente trattarsi dell’apertura destinata al LED per la connessione IrDA (infrarossi). L’unica cosa che possiamo fare al momento è tirare un bel respirone, rilassarci ed aspettare in tutta tranquillità l’evento di domani sera (da seguire con noi LIVE, mi raccomando). Se invece volete continuare a leggere ulteriori speculazioni vi consiglio di spulciarvi il super thread di MacRumors sulla questione “porte misteriose”. La discussione ha già collezionato più di  1400 riposte.

E voi che ne pensate di questa porta non meglio identificata?