Genius Lounge: Pwnage e sblocco di iPhone 3G

di Michele Baratelli 9


Dato che arrivano numerose richieste al “bancone della Genius Lounge” di TAL, abbiamo deciso di riprendere il discorso riguardo lo “sblocco di iPhone“. Le domande più ricorrenti riguardano la sicurezza di questi metodi di “sblocco iPhone e iPod touch” e la reversibilità se qualcosa andasse storto. Inoltre, cosa sono Installer.App e Cydia? E che servizi offrono?

Installer.App e Cydia dovete considerarli come una sorta di “App Store gratuito”: tramite questi due programmi avrete la possibilità, come in App Store, di scaricare giochi e applicazioni. Queste “apps” sono compilate da sviluppatori indipendenti che credono nella libertà di programmazione e non vogliono sottostare alle leggi di SDK (intendiamolo come il software di programmazione per le applicazioni ufficiali presenti in App Store). Quindi, all’interno di Cydia e Installer.App troverete delle applicazioni gratutite con delle funzioni “non gradite ad Apple“: BossPrefs, tra le altre cose, proclama addirittura di poter fermare la famosa leva (“Kill Switch“) che Steve Jobs utilizzerà nel giorno del giudizio. Installer.App e Cydia si installano automanticamente nelle procedure di sblocco (se si possiede un iPhone 2G) oppure di Jailbreak (se si possiede un iPhone 3G o un iPod touch): ricordiamo che a tali scopi sono presenti Pwnage Tool e QuickPwn per Mac e WinPwn per Windows.

Che rischi si corrono sbloccando un iPhone 2G oppure applicando il Jailbreak a iPhone 3G o iPod touch? Qui la risposta può essere teoricamente molto semplice: quasi nessuno. Le conoscenze tecniche elevate permettono al Dev Team di creare dei prodotti sicuri per l’utente finale: nel caso di iPhone 3G e iPod touch basta ripristinare il firmware originale e tutto torna come quando si è acquistato il prodotto. Discorso simile per iPhone 2G: se qualcosa va storto durante il processo di sblocco, è sufficiente ripristinare il firmware ufficiale di Apple e poi rifare la procedura. Sono passati i tempi in cui ZiPhone faceva downgrade del bootloader (dal  4.6 al 3.9): in questa situazione, in un caso su mille, qualcosa poteva rendere inutilizzabile il vostro iPhone o limitare l’uso del Wi-Fi. Non prendete queste righe come un invito allo sblocco senza patemi: dovete seguire le procedure con attenzione e allo stesso tempo con la certezza che qualcosa potrebbe sempre non funzionare. In quest’ultimo caso, una soluzione si trova spesso.

Sbloccare o applicare il Jailbreak è una operazione reversibile? Si, con Pwnage Tool e QuickPwn basta ripristinare il firmware originale di Apple e tutto torna come prima delle “procedure illegali”: se in vostro possesso c’è un iPhone 3G o un iPod touch tutto funzionerà da subito come quando avete scartato i suddetti prodotti; al contrario, se possedete un iPhone 2G e una scheda sim “non ufficiale”, non potrete andare oltre la schermata della chiamata di emergenza. In quest’ultimo caso sarà sufficiente utilizzare nuovamente il programma di sblocco da voi prediletto per poter tornare a telefonare.

Per qualsiasi chiarimento o ulteriore domanda fatevi sentire nei commenti: appena possibile vi risponderemo!