Microsoft Ad: “I’m a PC” perchè non sono cool

di Andrea "C. Miller" Nepori 49

Dopo il dubbio risultato della campagna pubblicitaria da 300 milioni di dollari e la serie di ads I’m a PC, Microsoft ci riprova con un nuovo spot il cui scopo è quello di diffondere il mito del costo eccessivo dei computer Apple. Allo stesso tempo il nuovo ad conferma altri sciocchi luoghi comuni sui PC Windows, esplicitamente indicati come la scelta giusta per poveri squattrinati insicuri che non si sentono abbastanza cool per comprare un Mac. Le parole di Ballmer erano evidentemente il preludio di una nuova offensiva commerciale basata su assunti semplicistici e fuorvianti. Se fossi un dipendente Microsoft che davvero vuole bene alla sua azienda mi metterei le mani nei capelli.

Ma veniamo al commercial. Protagonista del nuovo spot è tale Lauren; la ragazza deve acquistare un portatile senza sforare un budget di 1000$ assegnato dalla produzione e per prima cosa, poiché è stata traviata dal marketing maligno dell’azienda di Cupertino, si reca in un Apple Store. Niente da fare: esce sconsolata dichiarando, affranta, che l’unico portatile sotto i 1000$ ha un miserrimo schermo da 13,3 pollici. Che sfortunaccia nera.

E’ qui che la storia comincia a scricchiolare perché capiamo che Lauren non solo non vuole spendere più di 1000$ ma sta anche cercando un bel portatile con schermo jumbo. La botte piena e la moglie ubriaca, insomma.
Pochi secondi ancora e le cose vanno di male in peggio. In auto, mentre si reca verso il più vicino Best Buy per tuffarsi nel disordine del reparto PC, Lauren dice la frase che manda al tappeto lo spot e ne distrugge ogni barlume di credibilità: “Forse non sono abbastanza cool per potermi permettere un Mac”. Lauren però è abbastanza cool da potersi permettere una New Beetle decappottabile. Sono scelte.

Da Best Buy Lauren trova ciò che cerca. Uno Hewlett Packard con schermo 17″ a 699$. Ora, non serve essere dei geni dell’informatica per capire che in un prezzo del genere c’è qualcosa che non torna. Ok, il costo dell’hardware è calato drasticamente negli ultimi tempi, ma per vendere un portatile 17″ a 699$, HP deve aver fatto un compromesso al ribasso in più di un punto del ciclo progettuale e produttivo.

Su 9to5 Mac hanno avuto la brillante idea di cercare sul sito di BestBuy il computer di Lauren. Si scopre che le caratteristiche del PC ne testimoniano in maniera evidente la prematura tendenza all’obsolescenza, poverino, e ne giustificano effettivamente il basso prezzo. Tanto per dirne una: la risoluzione dello schermo del PC 17″ è 1440×900, quella dello schermo del MacBook White scartato da Lauren è 1280×800. A cosa servono, quindi i quasi 4 pollici di differenza? Non parliamo del peso o di durata della batteria perché sarebbe come sparare sulla Croce Rossa.

Alla fine Lauren se ne va bella contenta con il suo nuovo cassone da 3 chili e mezzo. Contenta lei contenti tutti. Eh si, perché Lauren è una persona reale, ignara del fatto che sarebbe comparsa in uno spot di Microsoft quando ha effettuato l’acquisto.

Almeno, questa è l’intenzione dichiarata. Approfondendo un po’ si scopre che Lauren è iscritta alla Actor’s Guild, il sindacato statunitense degli attori. Forse che Lauren s’è iscritta per divertimento? No, guarda caso s’è iscritta perché fare l’attrice è il suo lavoro, come rivela l’Associated Press. Le modalità di reclutamento degli utenti per la partecipazione a questo spot (l’agenzia Crispin Porter + Bogusky li ha trovati su Craig’s List) hanno reso possibile questo piccolo cortocircuito professionale, probabilmente.

Vale a dire che sì, Lauren di lavoro fa l’attrice, ma questo non significa che in questo spot stia effettivamente recitando perché, a sentire quel che dicono alla CB+P, nessuno le ha rivelato fino alla fine che avrebbe fatto parte di uno spot di Redmond. Converrete che qualche dubbio può pure rimanere. Anche perché sembra che davanti all’Apple Store ripreso nello spot passi sempre il solito… passante. A questo punto preferivamo le tirate isteriche di Ballmer. Lui perlomeno è il CEO di Microsoft per davvero.

Su Gizmodo stanno cercando di rintracciare Lauren perché un Mac User del Michigan vorrebbe regalarle il suo PowerBook 17″:

Sono intenzionato a regalarle il mio laptop Mac gratis, così potrà decidere quale laptop è superiore senza che ci sia bisogno di leggere l’etichetta col prezzo.
Credo che chiunque su questo pianeta sia “abbastanza cool per essere una Mac person”.