Apple Watch, grazie all’app Noise risolto un problema per ragazzo autistico

di Gio Tuzzi Commenta

Quante volte abbiamo sentito parlare di storie interessanti riguardanti l’Apple Watch, non un semplice smartwatch, ma capace di aiutare gli utenti in difficoltà, soprattutto dal punto di vista della salute.

Negli Stati Uniti, durante tutti questi anni di Apple Watch, sono emerse diverse storie collegate a questo smartwatch della Apple, in grado di migliorare sensibilmente la vita di chi lo possiede. Sempre in terra statunitense, questa volta in Texas, è accaduta un’altra bella storia che riguarda l’Apple Watch e che ha visto protagonista un ragazzo autistico. Il tutto è stato incentrato sull’applicazione Noise di questo smartwatch che è stata davvero utile per la famiglia del protagonista di questa vicenda.

Sam Bennett

La storia del ragazzo autistico e l’app Noise di Apple Watch

Nel dettaglio è stato il padre Scott Bennett a riportare la sua storia sulla rivista People, evidenziando il grande aiuto che può arrivare dalla tecnologia per chi si ritrova a vivere stati di salute più difficoltosi. Grazie quindi all’Apple Watch si ha modo anche di poter migliorare nettamente la vita di chi soffre di autismo e qui è il protagonista Sam Bennett, di 21 anni, ad aver ricevuto una vera e propria benedizione grazie all’app Noise dell’Apple Watch. Nel caso di Sam infatti il problema principale riguardava il suo tono di voce estremamente elevato, situazione che inevitabilmente creava difficoltà nell’avere una vita sociale normale, quasi impossibile infatti recarsi in un luogo pubblico con un ragazzo che urlava continuamente.

La tecnologia dell’Apple Watch in grado di aiutare anche gli autistici

Dopo diversi tentativi per cercare di aiutare Sam a tenere a bada il suo tono di voce, il padre ha scoperto l’app Noise presente con WatchOS 6 sul proprio Apple Watch. Si tratta di un’applicazione che mostra proprio i decibel che tendono ad aumentare con rumori sempre più forti, anche quando si ha un tono di voce troppo elevato, Noise interviene per invitare l’utente a moderarlo. In poco tempo Sam ha capito come funzionava l’app Noise dell’Apple Watch ed ha iniziato a parlare a bassa voce, situazione che ha letteralmente scioccato il padre, chiaramente in senso positivo, perché il figlio è riuscito a capire immediatamente il meccanismo di quell’app. In questo modo la famiglia ha iniziato a vivere diversamente, appena Sam sente di avere un tono troppo alto di voce, immediatamente lo abbassa grazie a Noise, migliorando in questo modo notevolmente la sua vita sociale.