Q2 2012 Apple, previsioni degli analisti a confronto

di Andrea "C. Miller" Nepori Commenta

“Nei tre anni e mezzo durante i quali ho messo a confronto analisti che si occupano di Apple per conto di Wall Street con la crescente schiera di analisti indipendenti che lo fanno per passione (e, si presume, per il proprio profitto) non ho mai visto un gap così grande, né in dollari né in punti percentuali”.

Apre così Philip Elmer-DeWitt il suo canonico articolo che precede di qualche settimana l’annuncio dei risultati finanziari Apple per il trimestre e nel quale il giornalista di Fortune mette a confronto le previsioni degli analisti delle grandi firme e quelle degli analisti/blogger indipendenti.
A questo giro “il grande gap” ammonta a ben 6,8 miliardi (19%) nelle stime sul fatturato, con gli indipendenti che come al solito sono molto più ottimisti dei propri colleghi dal colletto bianco.

Il consensus sul profitto fra i 42 analisti di Wall Street contattati da Elmer-DeWitt venerdì scorso ammonta a 9,78$ miliardi a fronte di un fatturato complessivo di 35,88 miliardi, che costituirebbero un incremento anno su anno rispettivamente del 53% sui profitti e del 45,5% sul fatturato.

Gli indipendenti, ovvero i blogger/analisti, come spesso li abbiamo definiti, sono solitamente molto più “bullish” e allo stesso tempo molto più precisi. Anche in previsione dei risultati del Q2 2012 non si smentiscono: il loro consensus è di 12,66 miliardi di dollari di profitto con un fatturato di 42 miliardi. In questo caso l’incremento anno su anno ammonterebbe rispettivamente al 98% e al 73%.

In ogni caso sia il consensus degli analisti “ufficiali” che di quelli indipendenti è superiore alla guidance fornita da Apple per il trimestre, come al solito molto prudente, che prevede un fatturato di 32,5 miliardi e profitti per 8,5 miliardi.

Le statistiche sul superamento della guidance Apple, tenute meticolosamente da Gene Munster, suggeriscono che i numeri degli analisti potrebbero essere più vicini al prezzo giusto. Ma tutto dipenderà da molti fattori concomitanti e va inoltre aggiunto che nel consensus stilato per gli indipendenti potrebbe scendere, almeno in parte, perché nella “conta” di Elmer-DeWitt mancano ancora i numeri di quattro dei migliori blogger finanziari su piazza.

Vada come vada la certezza è che ne sapremo di più intorno al 23 aprile prossimo, quando Apple fornire le trimestrali ufficiali per il Q2, che si è chiuso alle 23:59 dello scorso sabato 31 marzo.