Approcciarsi al bullismo con la street art: l’importante iniziativa di IsayGroup

di Gianni Puglisi Commenta

Combattere il bullismo con la street art: è questa la nuova sfida che è stata messa in piedi da IsayGroup, nota agenzia digital, il cui progetto porta anche la firma della Regione Lazio. E proprio nel territorio laziale sono state sei le scuole in cui sono arrivati diversi artisti di fama internazionale con lo scopo di fornire uno stimolo ideale e creativo a tutti i ragazzi. Così, si è cercato di affrontare un problema così diffuso e radicato da un’angolazione differente rispetto al solito.

I sei artisti di fama internazionale che hanno collaborato con questo progetto hanno disegnato sui muri delle aule dei fantastici murales con alcune tra le frasi più diffuse tra i bulli. Ebbene, ciascuna di essere finisce con dei punti di sospensione. Il motivo? Tutto molto semplice: la seconda parte della frase è coperta da degli adesivi, che sono stati staccati in un secondo momento dai ragazzi. Una sorta di invito a scoprire la seconda parte della frase che, inizialmente negativa, può cambiare assumendo un connotato positivo, come anche riportato dall’hashtag #cambiailfinale.

Un progetto a cui hanno preso parte sei super artisti della calligraphy art e della lettering art. Si tratta di Brus, Warios, Daniele Tozzi, Diamond, Fabio Persico e Luca Barcellona.  La presenza di artisti così importanti e affermati ha consentito a IsayGroup di poter far leva anche su tecniche di comunicazione non convenzionale, che hanno senz’altro fatto breccia nei ragazzi, che hanno risposto con entusiasmo a questa nuova sfida.

Grazie alla collaborazione e al supporto di IT Logix e della Fondazione Giacomo Brodolini verranno programmati anche degli incontri di formazione in cui i ragazzi avranno modo di capire come rapportarsi con le varie dinamiche di esclusione che funzionano all’interno di un gruppo, ma anche riflettere sul cyberbullismo e sul tema sicurezza navigando sul web. Il progetto ha trovato spazio anche su un sito dedicato, realizzato grazie alla collaborazione con Easy Net.