iOS tip: nome e cognome fonetico

di Andrea "C. Miller" Nepori 4

Nelle ultime due settimane mi sono trovato ad utilizzare sempre più spesso la funzione di riconoscimento vocale del mio iPhone 4. Sarà un po’ l’invidia per Siri e per l’iPhone 4S, sarà perché ormai quando sono alla scrivania il mio iPhone è perennemente connesso all’Hi-Ring, fatto sta che mi trovo a pronunciare “chiama tizio” e “chiama caio” con notevole frequenza.
Ora scopro tramite Shawn Blanc (via Gruber) che già da un paio di generazioni iOS permette di specificare per ogni contatto un nome e un cognome fonetico. Vale a dire, in poche parole, che se un vostro amico si chiama George Clooney potrete suggerire al riconoscimento vocale¹ del vostro dispositivo di pronunciarlo come Sgiòrsg Clunei.

La feature, che probabilmente qualcuno di voi già conosceva, è tornata in auge ora che i proprietari di iPhone 4S hanno bisogno di insegnare a Siri come pronunciare qualche strano nome o cognome. E’ disponibile su iPhone 4, iPhone 3GS, iPod touch (3a e 4a generazione), ovvero su tutti i dispositivi sui quali è possibile attivare la funzione di riconoscimento vocale. Di fatto è davvero utile solo su iPhone, visto che il nome del contatto viene pronunciato durante l’attivazione della chiamata.

Per impostare i campi fonetici entrate in Contatti, selezionate il contatto al quale volete associare una pronuncia fonetica e fate tap su modifica. In basso selezionate aggiungi campo e lì troverete nome fonetico e cognome fonetico. Ora, tutto sta nel capire come scriverli, visto che iPhone non mette a disposizione l’alfabeto fonetico. Tuttavia basta un po’ di fantasia e con un po’ di accenti piazzati bene si riesce ad ottenere qualcosa di concreto. Nel caso dell’inglese la voce sintetica di iOS imparerà a pronunciare la parola, anche se con un accento maccheronico che strappa un sorriso.

Non so quanto possa tornarvi utile questo “trucchetto” ma mi piaceva condividerlo. Io per primo faccio ammenda e vi dico che se non fosse stato per questa fortuita segnalazione non avrei mai scoperto la funzione e avrei continuato ad accontentarmi di sentirmi sussurrare all’orecchio “chiamo Mattev – cellulare” invece di “chiamo Mèttiu – cellulare”. Il che avrebbe seriamente inficiato le mie possibilità di mettermi in contatto con l’attore Meccònagghiu tramite riconoscimento vocale. Ecco risolto un altro dei tanti fastidiosi  “first world problems” che affliggono l’Occidente.

¹ – avete notato come è cambiata la vocina del riconoscimento vocale in iOS 5? Un po’ di Nuance per tutti, non solo per i possessori di iPhone 4S.
P.s. grazie a tutti i twitterosi che mi hanno aiutato a capire che questa non era una funzione specifica di iOS 5.