Call Of Duty Black Ops, recensione della versione Mac

di Davide Leoni 6

A due anni di distanza dall’uscita su PC e console HD Aspyr porta Call Of Duty Black Ops sui nostri Mac. Per una curiosa coincidenza il gioco arriva sui nostri schermi quasi in contemporanea con il sequel, Black Ops 2, in uscita il 13 novembre su Xbox 360, PlayStation 3 e PC Windows. Abbiamo passato una giornata a sviscerare Black Ops per Mac, ecco il nostro parere.

Grafica e sonoro

A livello tecnico, il gioco è esattamente lo stesso già visto su PC e console, Aspyr infatti non non ha ritoccato o migliorato la grafica sotto alcun punto di vista. Non ci sono filtri di alcun genere o migliorie grafiche incredibili, Black Ops è un gioco uscito due anni fa, basato su un motore grafico già vecchio all’epoca.

Questo vuol dire che sarebbe assurdo aspettarsi una grafica spaccamascella, certo nulla di cui lamentarsi intendiamoci, ma i due anni dall’uscita originale si sentono tutti. La direzione artistica salva l’aspetta tecnico, con esplosioni coreografiche e scene degne di un film di Hollywood.

Per quanto riguarda la conversione, Aspyr ha svolto decisamente un buon lavoro ed il gioco risulta particolarmente ottimizzato per i computer della mela. Sul mio vecchio iMac Fall 2010 Black Ops gira senza particolari rallentamenti o cali di framerate e questo è senza dubbio un fattore estremamente positivo.

I requisiti di sistema consigliati richiedono un processore Intel Quad Core, 4 GB di Ram ed una scheda video di fascia alta con 1 GB di memoria dedicata, mentre quelli minimi sono decisamente più abbordabili, per far girare bene Black Ops basta un Mac con processore da almeno 1,4 GHZ con 2 GB di RAM ed una scheda grafica con almeno 512 MB di memoria dedicata non condivisa.

Due parole sul comparto audio, Black Ops è completamente tradotto e doppiato in un ottimo italiano e questo è sicuramente un punto a favore del gioco, buoni anche gli effetti e le musiche di sottofondo.

Call Of Duty Black Ops Aspyr per Mac

Giocabilità e longevità

Per parlare della giocabilità di Black Ops bisogna distinguere nettamente la campagna single player dalle varie modalità multiplayer. Partiamo proprio dalla campagna, coreografica, spettacolare, avvincente, emozionante, quanto eccessivamente breve. Per arrivare ai titoli di coda bastano effettivamente 5-6 ore di gioco intense, una volta terminata la storia possiamo provare la modalità Zombies (incredibilmente divertente) o concentrarci sul comparto multiplayer.

E qui viene il bello, perchè Black Ops offre effettivamente tantissime opzioni per divertirsi online. La modalità Zombies ad esempio può essere affrontata anche in co-op con gli amici, inoltre il gioco include il DLC First Strike che presenta quattro mappe multiplayer inedite, come se non bastasse in vendita troviamo già il pacchetto Rezurrection con altre mappe scaricabili, altri contenuti aggiuntivi saranno rilasciati nei prossimi mesi.

Purtroppo il multiplayer non supporta il cross-platform, questo vuol dire che è possibile giocare online solamente con altri possessori di Black Ops per Mac, un vero peccato, visto che su PC e console la community è ancora attivissima, mentre ho faticato a trovare avversari nelle varie stanze, nonostante sia passata una settimana dall’uscita del gioco.

Sistema di controllo

Tastiera e mouse si rivelano a conti fatti il modo migliore per giocare a Call Of Duty Black Ops, in alternativa è possibile usare il controller Xbox 360 che viene rinosciuto automaticamente dal gioco. Personalmente non mi trovo male con il pad, ma si tratta assolutamente di gusti, entrambi i sistemi di controllo funzionano bene e senza problemi.

Black Ops

Giudizio finale

Nonostante siano passati due anni dall’uscita, Black Ops è ancora un signor gioco. La campagna è capace di regalare emozioni uniche ed il multiplayer vi farà divertire per mesi, grazie alla modalità Zombies ed alle tantissime mappe a disposizione. Peccato per l’assenza del multiplayer cross-platform che avrebbe permesso di inserirsi fin da subito in una community enormemente sviluppata ed ancora molto attiva.

Nulla da dire sulla qualità della conversione, del resto in questo senso Aspyr è sinonimo di qualità, l’impianto tecnico non presenta problemi di sorta e nel complesso il gioco è ancora oggi molto godibile. Prima di lasciarvi, una nota sul prezzo, Call Of Duty Black Ops costa 39.99 euro (con il DLC First Strike incluso) mentre il pacchetto mappe Rezurrection costa 11,99 euro.

Voto 8,5/10

Link per il download