Time Machine e Airport: possibile il backup su Hard Disk USB

di Andrea "C. Miller" Nepori 7

overview_hero_20080115.jpg

Spesso e volentieri i miglioramenti apportati dagli aggiornamenti rilasciati da Apple sono criptici e insondabili come un responso dell’oracolo di Delfi. Altre volte invece, con la generica formula “migliora la stabilità” vengono silenziosamente introdotte delle novità importanti, se non addirittura delle nuove funzioni. E’ il caso del nuovo aggiornamento Airport e Time Machine rilasciato ieri sera da Apple, che non si è limitato a migliorare la compatibilità fra Time Machine e Airport, ma ha addirittura reintrodotto la funzione di wireless backup su AirPort Disk, che permette di utilizzare un disco USB connesso alla base Airport Extreme per effettuare i backup di Time Machine.

L’impossibilità di utilizzare un disco USB di rete (solo con la base wireless di Apple, ovviamente) con Time Machine aveva fatto arrabbiare non pochi utenti, anche perché Apple aveva largamente pubblicizzato questa nuova funzione offerta dal rivoluzionario sistema di backup di Leopard, per poi farla sparire nella release finale di Mac OS X 10.5.2.

Taluni suggerivano che potesse trattarsi di una mossa commerciale: l’AirportDisk, associato a Time Machine, infatti, riproduce esattamente il funzionamento di Time Capsule. La nuova unità di salvataggio di Apple in soldoni non è altro che la fusione fra un Hard Disk particolarmente capiente e una base Airport.

E’ molto più probabile che l’assenza della funzione di backup su dischi USB fosse invece stata ritardata per motivi di sicurezza. E’ dunque possibile ipotizzare che il Security Update di martedì scorso, a cui è subito seguito l’aggiornamento Airport e Time Machine di ieri, possa aver risolto proprio quei problemi permettendo finalmente a tutti gli utenti di utilizzare questa attesa feature. Avete notato anche voi la nuova possibilità, la state già utilizzando? Fatevi sentire nei commenti.