iTablet: l’iSlate diventa iPad?

di Andrea "C. Miller" Nepori 12

Ad una settimana dall’evento speciale che Apple terrà a San Francisco il 27 gennaio, continuano ad aggiungersi indiscrezioni ad indiscrezioni. Le ultime novità riguardano il nome del dispositivo misterioso che tutti attendono, finora chiamato iSlate sulla base di alcuni trademark scoperti da MacRumors. Ebbene, è sempre MacRumors a rivelare che probabilmente il nome iPad (che in molti tendono a scartare principalmente per la somiglianza con iPod) potrebbe alla fine essere davvero quello buono. A suggerire questa ipotesi una nuova sfilza di registrazioni di diritti sul nome in qualche modo riconducibili ad Apple.

La Slate Computing LLC, l’azienda fantoccio con sede nel Delaware che ha registrato il trademark iSlate per Apple negli Stati Uniti, avrebbe registrato i diritti sul nome iPad in Canada nel luglio 2009 per l’uso nel settore dei dispositivi elettronici. Il trademark sull’iPad in relazione ai dispositivi elettronici negli Stati Uniti lo detiene però la Fujitsu. C’è da dire che “iPhone” nel 2007 era un trademark CISCO ma Apple decise di utilizzarlo lo stesso.

Il trademark iPad è stato registrato in Europa e ad Hong Kong sempre nel luglio del 2009. Nel vecchio continente è stato uno studio legale inglese ad occuparsi delle pratiche, mentre la registrazione ad Hong Kong è stata curata dalla IP Application Development LLC, una società anch’essa con sede nel Delaware. Curiosamente l’acronimo di questa presunta azienda fantoccio è proprio IP.A.D..

La stessa IP Application Development avrebbe registrato il nome iPad anche in Australia e Nuova Zelanda. La registrazione più recente di questa parola ad opera della medesima azienda è avvenuta alla fine della scorsa settimana, il 15 gennaio.

Secondo MacRumors, in conclusione, potrebbe davvero esserci Apple dietro queste società e iPad potrebbe seriamente essere un candidato per il nome del “coso” che Steve e soci sveleranno mercoledì prossimo.

C’è da segnalare che uno dei grandi nomi del Mac Web, vale a dire John Gruber, ha prontamente segnalato di non essere d’accordo con questa ricostruzione e sostiene che il  Tablet non si chiamerà iPad.

Personalmente non mi ero mai davvero affezionato ad iSlate (is-late è un gioco di parole fin troppo facile) ed iPad, per quanto più scontato suonerebbe decisamente meglio. Voi che ne pensate?