Campus 2.0: Apple invia una brochure ai “vicini di casa”

di Lorenzo Paletti Commenta

Apple sta per cominciare la costruzione del suo futuristico nuovo campus a Cupertino. L’edificio, che rappresenterà un importante traguardo architettonico per la cittadina e per gli Stati Uniti (il campus sarà all’incirca delle dimensioni della sede dell’esercito statunitense: il Pentagono), modificherà sensibilmente il paesaggio di una ampia zona del paese che ospita la sede di Apple. Un grande appezzamento di terreno, coperto principalmente da parcheggi, sarà completamente rinnovato con la costruzione della “spaceship” di Apple e la creazione di una nuova zona verde.

In questi giorni sono stati inviati a quelli che saranno i vicini di casa del nuovo campus delle brochure informative, prodotte da Apple, in cui non solo vengono mostrate le caratteristiche del nuovo campus, ma si chiede al vicinato di inviare feedback ad Apple per migliorare il progetto. Alcuni residenti sono infatti preoccupati del traffico e dell’inquinamento che la costruzione del campus può generare a Cupertino. I vicini possono compilare una cartolina già affrancata e spedirla ad Apple, oppure visitare il sito Cupertino.org per pubblicare commenti, domande o preoccupazioni.

Il nuovo campus, presentato da Steve Jobs nella sua ultima apparizione pubblica un solo giorno dopo la WWDC del 2011, sarà completato entro la fine del 2015. La sua forma circolare sarà esaltata da grandi vetrate curve che Apple ha imparato ad utilizzare con i suoi Apple Retail Store sparsi per tutto il mondo, e sarà circondato da un parco che non potrà, come dichiarato da Jobs, che migliorare il panorama di Cupertino. Il tetto, coperto di pannelli solari, aiuterà l’edificio ad auto-sostentarsi sul piano energetico, mentre l’edificazione di una palestra, una nuova sala congressi e un parcheggio (sotterraneo ed esterno) permetteranno ad Apple di risolvere alcuni problemi di “dislocazione del lavoro” che negli ultimi anni avevano costretto diversi dipendenti dell’azienda a trovare alloggio e lavoro in appartamenti dispersi su tutto il suolo di Cupertino.

[via]